Tanti la definiscono una telefonata shock, ma chi si scandalizza ancora è un grande ingenuo o versa in grande mala fede: mi pare che Berlusconi da tempo abbia superato ogni limite e ogni argine. I passaggi di quella telefonata (l’attacco al Palazzo di Giustizia di Milano e a un quotidiano nazionale, La Repubblica) mostrano il tipico lessico di un golpista. Berlusconi parla come se fosse un colonnello sudamericano; le sue parole sono un distillato della cultura eversiva di cui è intriso. Fa proprio paura!

E mentre in qualunque angolo dell’opulento e democratico Occidente chiunque avesse pronunciato simili sconcezze sarebbe stato immediatamente destituito e/o costretto alle dimissioni, in Italia cosa accade? Niente, la consueta sottovalutazione, il solito derubricare alla rozzezza berlusconiana, tralasciando tutto il veleno di quelle parole, facendo finta che si tratti soltanto di frasi eccessive, colorite e colorate.

Mentre nel mondo si protesta violentemente, in Italia si lascia che qualche centinaio di teppisti, con una rigorosa regia occulta, metta a ferro e fuoco la capitale senza alcuna azione preventiva, con l’obiettivo di oscurare una grande manifestazione pacifica di rivendicazione di diritti e di libertà.

E se da un lato non mancano gli insulsi soloni che criminalizzano la ribellione popolare contro le manovre inique e recessive volute dai poteri forti e dalla finanza internazionale, dall’altro si consente che questo governo segnato da simile guida e da certi ministri assolutamente impresentabili – tra cui Romano sotto processo per reati di mafia – possa continuare a sopravvivere e a guastare l’Italia.

Mi chiedo con sincero timore cosa occorra ancora e di più grave per sciogliere le Camere e andare rapidamente a nuove elezioni; quali altri prezzi i cittadini dovranno pagare; quali altri strappi costituzionali dovranno ancora permettersi prima che vengano ripristinate normali condizioni democratiche in questo disgraziatissimo Paese.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Regionali in Molise, Iorio riconfermato
Grillini faranno ricorso contro terzo mandato

next
Articolo Successivo

Lega, la lotta interna fa una nuova vittima: i giovani padani di Varese “sfrattati” dalla sede

next