L’individualismo del black bloc non è dissimile da quello dell’evasore fiscale. Il concetto che a me sia concesso fare qualsiasi cosa, tra cui sfasciare una città, e, al tempo stesso, non curarmi delle conseguenze del mio gesto è, in tutto e per tutto, uguale alla filosofia di vita dell’evasore fiscale che ritiene di non dovere contribuire al benessere del proprio paese pur sfruttando, in termini di servizi, ciò che questo benessere produce.

La parte lesa, come nel caso dell’evasione, è rappresentata innanzitutto dalle centinaia di migliaia di persone che hanno partecipato alla manifestazione. Loro sono i veri tartassati dall’evasione politica e sociale dei black bloc e loro, alla pari dei cittadini che pagano le tasse, sono coloro che dovranno portare sulle spalle la croce del fallimento di questa manifestazione.

Ridurre l’azione politica di qualche migliaio di “sfascisti“ a un disturbo di personalità (di tipo antisociale) sarebbe un grave errore: rappresentano appieno la variante povera di un modello sociale e culturale che nel proprio ombelico trova il baricentro. Un Io ipertrofico che si alimenta e si alimenterà dei racconti epici di ciò che sono riusciti a fare alla pari di certo bullismo da strada che gode della sopraffazione altrui.

Rappresentano una concezione della società in cui l’interazione faccia a faccia non è più possibile. Distruggere tale interazione è il loro scopo perché in essa poggiano le fondamenta dei processi sociali che regolano i rapporti di forza e le dinamiche democratiche. Concezione simile a quella dei grandi centri di potere che si vorrebbero combattere.

Se la parola “nemico“, in tempi di pace, si utilizza contro un modello capitalistico (e le sue varie articolazioni) che ha volutamente confuso il mezzo con il fine, non può non essere estesa anche ai suoi finti antagonisti che, in maniera speculare, rappresentano l’altra faccia della medaglia.

Desidererei che avvenisse una cosa nuova. Condannare quanto è accaduto è il minimo. Ma vorrei che si decidesse, in qualità di comitati promotori della manifestazione, di costituirsi parte civile nei confronti di quei pochi o tanti black bloc che sono stati arrestati. Chiederne un condanna che vada espiata in termini di servizi sociali alle fasce più deboli della società. Solo così potrebbero, forse, comprendere che la declinazione del “noi“ rispetto a quella dell’“io“ è dirompente nel mutare il corso della storia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Maroni, forte con i deboli, debole con i forti

prev
Articolo Successivo

Quando fiducia era una bella parola

next