“Al di là di tutti i rimproveri per il suo particolare rapporto con il gentil sesso – a proposito, in gran parte sono rimproveri che nascono dalla gelosia – bisogna dire che in questa difficile situazione si è comportato come uno statista responsabile, nel pieno significato del termine”. Così Vladimir Putin, poco meno di un mese fa durante la seduta plenaria del Forum per gli investimenti Soci-2011, riunito sul Mar Nero difende il capo del governo italiano. Le critiche a Silvio insomma sono frutto dell’invidia di tutti coloro che vorrebbero trovarsi al suo posto.

Lodi e lusinghe così sperticate non potevano non essere ricambiate e così ieri Silvio Berlusconi si è recato in Russia per festeggiare il compleanno del novello Zar pronto a tornare al Cremlino per altri 12 anni e arrivare a quota 24, battere il record di permanenza al potere di Breznev (18 anni) e insidiare il primato di Stalin (29).

Ma neanche nei confronti dell’amico russo, il nostro, intende essere secondo; e prima di andare a rendegli omaggio, in un videomessaggio sul sito del Popolo della libertà non ha escluso la possibilità di una sua eventuale ricandidatura, a dispetto di coloro che lo vedevano arretrare in favore del delfino Alfano. Se arrivasse al 2013 e fosse rieletto per altri cinque anni Berlusconi eguaglierebbe così l’ex agente del Kgb. Un quarto di secolo di tirannia e disprezzo per la democrazia e la legalità…

Ps: Ieri ricorreva il quinto anniversario della morte di Anna Stepanovna Politkovskaja, la giornalista russa assassinata il 7 ottobre 2006 nell’ascensore del suo palazzo. Commemorazione alla quale Silvio e Putin immaginiamo non abbiano partecipato. D’altronde, ad accomunare i due zar di Russia e Italia c’è anche la stessa insofferenza nei confronti della libertà di informazione; meglio morti o in galera piuttosto che liberi di esercitare il loro pensiero e di criticare il potere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Caos Pdl, Alfano: “Nessuna fronda”, ma Scajola chiede una nuova maggioranza

next
Articolo Successivo

Fini sul ddl intercettazioni
“Una legge nell’interesse di qualcuno”

next