Riceviamo e pubblichiamo volentieri la replica che il giornalista Riccardo Iacona, autore e conduttore di ‘PresaDiretta‘, ha scritto in risposta a un post (leggi l’articolo) del nostro blogger San Precario pubblicato sul fattoquotidiano.it. In quell’articolo, San Precario accusava la trasmissione di Iacona ‘Generazione sfruttata’ (dedicata a precarietà, fuga dei cervelli e diversi sistemi di welfare in atto in alcuni paesi europei) di aver ripetuto il cliché del “racconto della sfiga” chiedendo ai media nostrani di “proporre un’idea diversa della precarietà, dimostrando come ci si possa autorganizzare e, in molti casi, far valere i propri diritti”. Ecco la risposta di Iacona.

In Spagna c’è la crisi e così nel resto dell’Europa. Quindi aumenta la disoccupazione. Ma in Spagna non ci sono tutte le diavolerie di contratto che ci sono in Italia. In Spagna sostanzialmente c’è o il contratto a tempo determinato o a quello indeterminato. C’è più flessibilità in uscita, ma c’è il sussidio di disoccupazione, perché c’è un welfare per tutti, come in Francia, in Inghilterra e in Germania. Ma da noi non c’è. In Spagna non esiste lo scandalo tutto italiano dei 500.000 stage, non ci sono nove milioni di partite Iva, non esiste l’associazione in impresa e il lavoro nero è duramente punito, quando viene scoperto. In Spagna non esiste l’Ordine dei giornalisti, né l’albo, né l’esame di Stato, ma in nessuna redazione si trovano ragazzi che lavorano per anni a partita Iva, senza contratto giornalistico o, peggio, con stage gratuiti come avviene da noi. In Spagna non troverete mai una redattrice di una casa editrice che lavora come succede in Italia per sei anni senza avere mai il contratto giusto per il lavoro che sta facendo.

E’ chiaro che tutti i governi d’Europa, Spagna compresa, per rispondere ai buchi di bilancio non stanno trovando di meglio che tagliare sul welfare, sul sociale, sui sussidi di disoccupazione e che dovremmo assistere ad un peggioramento delle condizioni di lavoro. E questo colpirà le giovani generazioni. Ed è per questo che nascono gli Indignados, per difendere un livello di sostegno e di welfare che sentono minacciato e perché immaginano una uscita diversa dalla crisi. Rimane il punto che solo in Italia la partita della precarietà è stata interpretata in questo modo così selvaggio e illegale. Perché questo è il punto, siamo un Paese illegale, molto più degli altri visto che il 30 per cento del Pil da noi è prodotto in nero.

Per quanto riguarda invece lo spazio dedicato a San Precario, mi dispiace, ma non si misurano 110 minuti di racconto solo pesando quanto spazio è stato dedicato al singolo settore raccontato. E comunque di tutto si può accusare ‘Generazione sfruttata‘ meno che del fatto che non ha dato voce e forma alla protesta e alla voglia di riscatto. A cominciare dalle prime manifestazioni di reazione alle parole di Renato Brunetta, alla manifestazione nazione ‘Il nostro tempo adesso‘, mai raccontata da nessuno con il tempo che meritava, alle proteste del Salone del libro. Concludo che la storia finale dei 400 co.co.pro della cooperativa ausonia che grazie alla causa intenta da uno straniero sono riusciti a dimostrare, con due gradi di giudizio, che il contratto a progetto cui erano costretti era illegale dimostra che se si combatte si può anche vincere. E infatti oggi li stanno tutti assumendo con il contratto giusto. E finalmente avranno diritti e tutele.

Naturalmente, tutti hanno diritto di criticare un programma. Sarebbe bello che anche altre trasmissioni, che dedicano ore del palinsesto in prima serata a farci raccontare l’Italia dalle voci dei politici si consumassero le suole delle scarpe per dare voce ai protagonisti sociali. Così non saremmo i soli a farlo e sicuramente ci sarebbero altri che lo potrebbero fare meglio di noi. Sospetto purtroppo che questo non succederà. Ma questa, veramente, non è colpa nostra. Grazie e a presto Riccardo Iacona

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

In fuga dalla pubblica amministrazione:
va in pensione il 5,27% in più dei dipendenti

prev
Articolo Successivo

Giornalisti precari sotto pagati e sfruttati
La categoria si mobilita contro gli editori

next