Ammazzato prima della messa del mattino, in sacrestia. Si chiamava don Peppe Diana. I processi hanno appurato che a ordinarne l’omicidio fu Nunzio De Falco, il quale, dopo aver dato mandato a diversi avvocati, nel 2003 si rivolse all’onorevole Gaetano Pecorella, che, per un caso fortuito, in quel momento era anche presidente della Commissione Giustizia.

Certo, non si poteva pretendere che un personaggio come Pecorella seguisse l’esempio di Pertini, che assistette la madre di Salvatore Carnevale, ucciso dalla mafia quando ancora il reato di mafia nei tribunali non esisteva. Però, se è vero che ogni imputato ha il diritto alla difesa, sarebbe anche opportuno, per chi ricopre un incarico così delicato, essere più oculato nel decidere chi assistere. O, in alternativa, lasciare ad altri il proprio incarico in Commissione.

Due anni fa, Alessandro Didoni e Dario Parazzoli hanno voluto chiedergli conto di quella scelta. Per rispondere loro, Pecorella ha agito in due modi. Innanzitutto ha deciso di infangare la memoria di don Diana, affermando, con allusioni in perfetto stile mafioso, che il prete in realtà nascondeva le armi della camorra in sacrestia. Poi, non soddisfatto, ha querelato i due cittadini, che riprendevano la sua performance, per violazione della privacy, così che il secondo dei due si è trovato tre ufficiali di polizia spediti a casa sua per una perquisizione (alle sei del mattino e dopo tre giorni lavorativi) con lo scopo di sequestrare il materiale scottante: la schedina della videocamera. Qualche mese fa, le indagini su Dario e Alessandro sono state chiuse e il caso, naturalmente, archiviato.

E un’altra buona notizia: viene inaugurato un nuovo caseificio, sui terreni confiscati alla camorra, grazie alla cooperativa Terre di don Peppe Diana.

A questo punto, ci auguriamo che qualcuno si premuri di donare qualche mozzarella di bufala a Pecorella. Forse, almeno così, riuscirà ad apprezzare finalmente il sapore della legalità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Brunetta, le aziende e la zavorra mafiosa

next
Articolo Successivo

Ma l’ovetto no

next