Da Palermo Giorgio Napolitano invita ad affrontare con serietà la situazione economica in Italia: “I temi della crescita – dice il Presidente della Repubblica – si pongono in modo stringente, per non dire drammatico all’ordine del giorno”. Dopo le severe misure che ha imposto la crisi finanziaria globale del 2007/2008, ora bisogna puntare sulla crescita congiunta di “Nord e Sud”. Napolitano è intervenuto oggi alla Società siciliana di Storia patria di Palermo dopo la lectio magistralis del professor Lucio Villari. Il discorso di questa mattina si somma a quello fatto ieri all’università di Palermo, in cui aveva posto l’accento sulla necessità di una maggiore integrazione in Europa e soprattutto sul comportamento della classe politica italiana: “Viviamo in un periodo in cui si ha l’impressione che ci si svegli una mattina e si proponga di cambiare un articolo della Costituzione che non piace. C’è molta approssimazione e improvvisazione”. Napolitano considera la manovra, che ha ottenuto la fiducia del Senato e ora passa alla Camera, “necessaria e urgente” e valuta positivamente “l’apprezzamento che sta ricevendo in sede europea”. “Certi comportamenti diffusi – conclude il Presidente – sono ormai di ostacolo ostruttivo ad una sana gestione dei mezzi finanziari disponibili e a una ripresa su nuove basi della nostra crescita economica, sociale e civile”.

Napolitano tornerà nel capoluogo siciliano il prossimo 23 maggio, per il ventennale della strage di Capaci, nella quale morirono Giovanni Falcone, la moglie e gli agenti della scorta. Ad annunciarlo è Pina Maisano, vedova di Libero Grassi, che stamane ha incontrato il Presidente della Repubblica in Prefettura. Presenti anche alcuni membri del comitato “Addio Pizzo” e un gruppo di ragazzi tra i 13 e i 15 anni di “Addio Pizzo Junior”. “E’ stato un incontro molto emozionante. Il Presidente ci ha ringraziato per il nostro impegno e ci ha espresso la sua vicinanza” ha detto Ugo Forello, membro dell’associazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Intercettazioni, Berlusconi vuole il Bavaglio
Ddl in aula con la fiducia

next
Articolo Successivo

Chiesa, la svolta non c’è stata

next