Estate, luminoso e sereno periodo di ferie, ma non per tutti. Per alcuni questo mese è denso di ricordi tristi, legati alla dipartita di persone che hanno dato la vita per il nostro paese, per la legalità o semplicemente perché vittime incolpevoli di trame politiche e terroristiche ancor oggi non sempre chiarite. Padri, madri, figli, fratelli, amici o colleghi, persone perbene viste morire sotto i propri occhi o di cui si è ricevuta l’ultima orribile notizia in modo inaspettato.

Spero non vi dispiaccia se voglio ricordarli adesso, perchè in questi giorni in cui si parla di tricolore, di Italia e di diritti, non sempre per difenderli e onorarli, mi sembra giusto mandare un pensiero alle persone che in estate caddero mentre adempivano il proprio dovere, o mentre difendevano la patria, o che vennero rapinate della vita mentre attendevano alle occupazioni quotidiane o ad un viaggio verso i propri cari o il proprio luogo di lavoro.

Eventi che slegati fra loro diventano semplici anniversari, ma che uno dietro l’altro impressionano per la quantità degli attentati, degli eccidi e, per conseguenza, delle vittime. Un elenco che pecca sicuramente per difetto.

20 giugno, strage nazista di Fondotoce (1944, VB)

22 giugno eccidio nazista di Gubbio (PG, 1944)

23 giugno strage nazista della Bettola di Vezzano sul Crostolo (RE, 1944)

23 giugno, assassinio del magistrato Mario Amato a Roma (1980)

26 giugno, assassinio del magistrato Bruno Caccia per mano brigatista (Torino, 1983)

27 giugno, strage di Ustica (PA, 1980)

27 giugno, strage nazista di Falzano di Cortona (AR, 1944)

29 giugno, eccidio nazista di Civitella, Cornia e San Pancrazio (AR, 1944)

29 giugno, strage nazista di Guardistallo (PI, 1944)

30 giugno, strage mafiosa di Ciaculli (PA, 1963)

4 luglio, eccidio nazista di Cavriglia (AR, 1944)

11 luglio, eccidio nazista di Padulivo (FI, 1944)

12 luglio, assassinio dell’avv. Giorgio Ambrosoli (Milano, 1979)

19 luglio, strage di via D’Amelio, uccisi il giudice Paolo Borsellino e gli agenti di scorta Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Cosina, Claudio Traina ed Emanuela Loi  (Palermo, 1992)

21 luglio, assassinio mafioso di Boris Giorgio Giuliano, capo della Squadra Mobile di Palermo (1979)

23 luglio, eccidio nazista di Tavolicci (Forlì-Cesena, 1944)

27 luglio, strage per la bomba di via Palestro a Milano (1993)

28 luglio, omicidio mafioso di Beppe Montana, funzionario di Polizia (Palermo, 1985)

28 luglio, eccidio delle Reggiane (Reggio Emilia, 1943)

28 luglio, strage di Bari (1943)

29 luglio, strage mafiosa di via Pipitone Federico, uccisi Rocco Chinnici, magistrato, due carabinieri della scorta e il portiere Stefano Li Sacchi. (Palermo 1983)

2 agosto, strage di Bologna (1980)

4 agosto, strage del treno Italicus (BO, 1974)

5 agosto, omicidio mafioso di Antonino Cassarà e Roberto Antiochia (Palermo 1985)

6 agosto, omicidio mafioso di Gaetano Costa, procuratore capo (Palermo, 1980)

9 agosto, assassinio mafioso di Antonio Scopelliti, sostituto procuratore in Cassazione (RC, 1991)

10 agosto, eccidio nazista di Piazzale Loreto a Milano (1945)

11 agosto, strage nazista di Castiglione di Sicilia (Catania, 1943)

11 agosto, strage nazista di Molina di Quosa (Pisa, 1944)

12 agosto, strage nazista di Sant’Anna di Stazzema (LU, 1944)

20 agosto, assassinio mafioso di Giuseppe Russo, colonnello dei Carabinieri, e Filippo Costa, insegnante (Palermo, 1977)

28 agosto, assassinio del maresciallo Calogero Di Bona (Palermo, 1979)

29 agosto, assassinio di Libero Grassi, imprenditore (Palermo, 1991)

3 settembre, strage mafiosa in cui furono uccisi il prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, la moglie Emanuela Setti Carraro e l’autista Domenico Russo (1982)

Calendario tratto dal sito Osservatoriosullalegalita.org

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Berlusconi violò la legge antiriciclaggio
con le buste a Tarantini e Lavitola”

next
Articolo Successivo

Scajola, inchiesta su casa al Colosseo
Domani al via audizioni in Procura

next