L’agenzia Standard & Poor’s ha annunciato di aver rivisto da stabile a negativo il suo giudizio sulle prospettive dell’economia degli Stati Uniti, pur confermando il rating più alto ‘AAA’. La decisione viene motivata in una nota con “il rischio concreto che i politici americani non riescano a trovare un accordo su come rimediare ai problemi di bilancio di medio e lungo termine entro il 2013”.

L’agenzia ribadisce come “l’economia Usa sia flessibile e molto diversificata, con politiche monetarie che hanno sostenuto la crescita del Pil contenendo le pressioni inflazionistiche, oltre al fatto che la persistente preferenza a livello globale del dollaro rispetto a tutte le altre valute dà al paese una liquidità esterna senza pari”.

Tuttavia la revisione dell’outlook a lungo termine, si legge ancora, è motivata con il fatto che “rispetto ad altri paesi con rating AAA, deficit di bilancio molto grandi e un crescente livello di indebitamento, il percorso per correggerli non è ancora chiaro”. Indicando la scadenza del 2013, S&P sottolinea come “se un accordo e una sua significativa attuazione non saranno iniziati per allora, il profilo fiscale degli Stati Uniti diventerà notevolmente più debole di quello di altri paesi AAA”. S&P ricorda come nel 2009 il deficit pubblico Usa sia balzato all’11 per cento del Pil: ma soprattutto, aggiunge l’analista Nikola Swann “a più di due anni dall’inizio dell’ultima crisi, i politici Usa non hanno ancora trovato un accordo su come invertire il percorso del peggioramento dei conti pubblici o su come porre rimedio alle pressioni di lungo termine sul bilancio”.

Dopo le comunicazioni dell’agenzia di rating, Wall Street ha registrato forti perdite. Il Dow Jones scende dell’1,57%, lo Standard and Poor’s 500 cede l’1,45% e il Nasdaq perde l’1,73%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ancora su Raciti e il Pd, risposta ai commenti

next
Articolo Successivo

La Grecia è fallita anche se non lo sa
E ora l’Europa inizia a temere il crack ellenico

next