In Germania fa scandalo copiare una tesi. E così, alla fine, il ministro della Difesa, Karl-Theodor zu Guttenberg si è dimesso. Dopo essere stato accusato di avere ottenuto un dottorato di ricerca dall’università di Bayreuth presentando un lavoro finale che per il 70 per cento era stato fatto con un copia-incolla. E senza che venissero citate le fonti.

Guttenberg, uno degli esponenti più apprezzati dell’esecutivo Merkel, prima ha minimizzato, parlando di errore fatto in buona fede. Poi, messo sotto pressione dalle accuse dei media e delle opposizioni, ha dovuto rinunciare al titolo di PhD. E alla fine ha dovuto rinunciare la poltrona di ministro. ”Mi dimetto dai miei incarichi politici”, ha detto Guttenberg, confermando quanto anticipato ieri alla Bild. “Questa è la decisione più dolorosa della mia vita”, ha aggiunto. Guttenberg ha poi ringraziato la cancelliera Angela Merkel per il suo appoggio e ha aggiunto: “Sono sempre pronto a combattere, ma ho raggiunto i limiti della mia forza”. Il ministro si è scusato di nuovo per la vicenda della tesi e ha spiegato di avere preso questa decisione solo adesso perché voleva studiare con attenzione le accuse a lui rivolte. Inoltre, ha sottolineato, voleva aspettare i funerali dei soldati uccisi la settima scorsa in Afghanistan per non attirare su di sé tutta l’attenzione dei media.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Libia, la Ue fa mea culpa e bacchetta l’Italia
per l’accordo del 2009 siglato con Gheddafi

prev
Articolo Successivo

Clinton chiede inchiesta su Gheddafi per attentato di Lockerbie

next