Nella Libia che sta bruciando sotto i colpi della rivolta popolare, c’è anche uno spicchio (rilevante) d’Italia. Si tratta degli stabilimenti dell’Eni. E se fino a ieri la dirigenza dispensava calma e tranquillità, oggi i vertici dell’azienda hanno fatto sapere che stanno rimpatriando i dipendenti. La notizia è stata data attraverso un comunicato ufficiale in cui si legge come “Eni informa che è in corso sia il rimpatrio dei familiari dei propri dipendenti sia di quelli non strettamente operativi”. In questo momento Eni comunque “non ravvisa alcun problema agli impianti e alle strutture operative”. Le attività del Cane a Sei Zampe nel Paese “proseguono nella norma senza conseguenze sulla produzione. Eni, tuttavia, sta provvedendo a rafforzare ulteriormente le misure di sicurezza a tutela di persone e impianti”.

Ma quella che si registra nelle ultime ore è una fuga di massa degli stranieri. Mentre l’Ue prepara un’evacuazione dei cittadini comunitari, in particolare dalla Cirenaica e dalle altre aree orientali, almeno 2300 tunisini hanno già ripreso la strada di casa, 2000 nella notte e 300 stamane, facilitati dalle frontiere ormai abbandonate anche dalla polizia. L’ambasciatore tunisino a Tripoli, Salaheddine Jemmali, è intervenuto in mattinata per assicurare che le autorità tunisine sono pronte ad accogliere i connazionali, circa 50mila in tutta la Libia.

In attesa di disposizioni concrete dell’Ue, i governi dell’Unione hanno iniziato a mettere in atto dei piani di evacuazione o a sollecitare i propri cittadini a lasciare il Paese: il Portogallo ha inviato un aereo militare a Tripoli e un secondo aereo è partito da Bruxelles diretto a Bengasi. Il ministro britannico, William Hague ha fatto sapere che il governo sta “assicurando protezione a chi lascia il Paese” mentre il ministro francese Laurent Wauquiez, ha fatto sapere che l’ambasciata sta aiutando le persone che desiderano lasciare il Paese con i propri mezzi. Anche l’Italia ha consigliato ai suoi connazionali nel paese nord-africano, circa 1500, di lasciare il Paese. L’Austria intanto ha annunciato che invierà un aereo a Malta per facilitare l’evacuazione. Mentre dalla Bulgaria e dalla Serbia è arrivata la sollecitazione a tutti i connazionali a lasciare immediatamente il Paese. Un aereo della Turkish Airlines inviato da Ankara per i connazionali turchino e’ pero’ riuscito ad atterrare a Tripoli ed è tornato indietro. Intanto si muovono le grandi industrie europee presenti nel Paese: Eni, Shell e Bp hanno iniziato il rimpatrio dei dipendenti non operativi e dei familiari, cosi’ come Finmeccanica. L’Eni ha comunque assicurato che non c’e’ “alcun problema agli impianti e alle attivita’ di Eni in Libia” e di continuare a seguire “con attenzione gli sviluppi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

L’università costa? Mai quanto in Gran Bretagna

next
Articolo Successivo

Troppi vecchi per
la rivoluzione

next