Il suo nome sarebbe rimasto sconosciuto ai più se gli avvocati difensori del presidente del Consiglio Niccolò Ghedini e Piero Longo non lo avessero interrogato il 21 ottobre del 2010. Danilo Mariani, 48 anni, è il dj pianista del presidente Silvio Berlusconi nelle serate “hot” di Arcore, quindi un testimone di quello che accadeva e per questo sentito dai due legali del premier. E’ a lui che – come racconta La Repubblica – dal conto gestito dal ragionier Spinelli (“Spinaus“), arriva la bella somma di 100mila euro. Un compenso per le sue prestazioni da dj o una somma per tacere?

A parlare del pianista toscano sono personaggi di primo piano. Innanzitutto Lele Mora: “La cosa più oscena che si faceva ad Arcore era cantare”. C’era “tale Danilo, intrattiene gli ospiti, mettendo su anche i cd per il karaoke”. Sono in tanti a ricordare Mariani. Oltre Mora ed Emilio Fede, lo ricordano nei verbali difensivi anche Giorgio Puricelli, massaggiatore del Milan diventato consigliere regionale nel listino bloccato di Roberto Formigoni ( lo stesso listino di Nicole Minetti), la deputata Pdl Mariarosaria Rossi, la brinzola Roberta Nigro e la show-girl cagliaritana Barbara Faggioli.

Ma cosa dice il diretto interessato interpellato da Ghedini e Longo? “Alle cene ad Arcore, Silvio Berlusconi non è mai rimasto solo con gli ospiti – ha raccontato Mariani ai legali del premier – Il presidente era sempre insieme a me, al personale di servizio e agli ospiti”. Niente spogliarelli o scene di sesso “né etero né omosessuale”. E Ruby? Mariani risponde secco: “Associo questo nome a una ragazza mora, alta, di età intorno ai 20-23 anni”.

Il conto corrente “numero 1” intestato a Berlusconi alla filiale Montepaschi di Milano 2, sta diventando cruciale. Insieme al pianista da 100mila euro e alla mamma di Noemi, il conto è una preziosa “cassa continua” per decine di ragazze “spesso straniere”. Come ha rivelato ieri il Sole 24 Ore, tra il 2007 e il 2008 alla filiale si presentano un paio di volte al mese, sempre il lunedì e il venerdì, alcuni uomini fedelissimi del presidente del Consiglio, tra cui il tesoriere Spinelli. Prelevano cifre da capogiro, somme che si aggirano tra i 300 e i 500mila euro. Nessuna valigetta: gli uomini del premier si infilano i rulli di banconote nelle tasche interne di cappotti e giacche.

Non solo prelievi, ma anche tracce di bonifici, dai 10mila ai 50mila euro con accanto nomi femminili. Le date coincidono con i giorni dello scandalo sulle foto scattate nelle ville sarde del premier dal fotografo Antonello Zappadu. Coincidenze.

(ER)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Addio a Daniele Formica, artista e blogger del nostro sito. Ecco il ricordo della redazione

next
Articolo Successivo

Milano, sui muri della Cattolica manifesto anti procura

next