La lettera del ministro dei Beni culturali Sandro Bondi al Fatto Quotidiano
18 gennaio 2010

Proprio perché l’Italia è impegnata in numerosi rapporti di collaborazione nell’ambito culturale e della conservazione del patrimonio artistico e culturale con l’Iran, non si può tacere la preoccupazione per la violazione di fondamentali   diritti dell’opposizione e in particolare nei confronti degli uomini di cultura. Mi unisco perciò all’appello di molti rappresentanti del cinema, della cultura e delle istituzioni, raccolto dal quotidiano Il Fatto, affinché il regime iraniano garantisca la libertà personale del maestro Jafar Panahay, e il suo diritto di esprimersi liberamente. A tal fine, renderò noto al Ministro della Cultura dell’Iran il disagio e l’impossibilità per il nostro Paese di proseguire nei rapporti di collaborazione nel campo culturale e archeologico se si continueranno a violare i diritti di libertà di pacifici uomini di cultura come il regista Panahay, che onora l’Iran in tutto il mondo.

Sandro Bondi

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

HarDcore: il film su Berlusconi?

next
Articolo Successivo

Usa, film di nicchia in crisi? Il futuro è sul web

next