La Commissione giustizia della Camera, che si sarebbe dovuta riunire stamattina alle 10 per cominciare l’esame degli emendamenti al ddl intercettazioni, si riunirà solo al termine dei lavori dell’aula di Montecitorio. Il rinvio, si spiega nella maggioranza, fa capire che ci sono difficoltà, soprattutto da parte del governo, a trovare un punto di equilibrio tra le istanze dei finiani, i suggerimenti del Colle e le finalità del provvedimento. E’ molto probabile, spiega uno dei tecnici della consulta del Pdl, che l’esame dell’intero provvedimento slitterà direttamente a settembre.

“Ci sono dei margini per un accordo a breve”, secondo Enrico Costa, capogruppo del Pdl in Commissione giustizia della Camera, ma “bisognerà aspettare l’inizio della seduta della Commissione, che si terrà dopo i lavori d’aula, per capire davvero cosa succederà”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regali ai ladri, sacrifici per gli onesti

next
Articolo Successivo

Pm Caltanissetta: “A un passo dalla verità su via d’Amelio”

next