Ricordate? Cinque anni fa l’emergenza era un’altra: l’aviaria. Anche allora l’incubo pandemia travolse i cinque continenti. Tutti a caccia del Tamiflu, il farmaco che avrebbe dovuto fare il miracolo. Pensare che pochi anni prima le sue vendite erano talmente modeste che la Roche, la casa farmaceutica svizzera che lo produce, stava pensando di ritirarlo dal mercato. Ma è bastato scatenare l’allarme sull’influenza dei polli per avere il tutto esaurito. Mentre i cittadini di mezzo mondo facevano la fila in farmacia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità dubitava dell’efficacia dell’elisir retrovirale, diversi studi dimostravano che le dosi raccomandate procuravano assuefazione, mentre alcune morti sospette portarono la Food&Drug Administration a chiedere chiarimenti sulla sicurezza del medicinale. E c’è ancora chi prova a indorare la pillola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino, che grande imbroglio

next
Articolo Successivo

Loiero, il “sultano” non ci sta e si ribella

next