Manca poco alla chiusura del contratto per la vendita del Milan, prevista per il 13 aprile. I tifosi rossoneri vivono l’attesa con sentimenti contrastanti. Siamo andati ad ascoltare le loro voci domenica allo stadio di San Siro, prima della partita Milan-Palermo, che potrebbe essere ricordata come l’ultima del regno di Berlusconi. “Speriamo che i nuovi proprietari abbiano soldi da investire nella squadra, noi vogliamo tornare a vincere”, dichiarano alcuni. “L’Italia è in vendita ai cinesi, se ne vanno i marchi storici anche nel calcio”, osservano altri. “Per noi tifosi l’importante è l’amore per la maglia, ma servirebbe più chiarezza”, obiettano altri ancora. E c’è chi mette in dubbio la verità ufficiale: “Sicuri che Berlusconi venda davvero? Sembra tutta una partita dì giro”. “Una cosa è certa”, aggiunge un tifoso storico: “Con questa operazione stiamo facendo una pessima figura rispetto all’Inter”. Sabato c’è il derby, anticipato alle 12,30 per comodità dei telespettatori cinesi. Potrebbe essere il primo della nuova era.