Manca poco alla chiusura del contratto per la vendita del Milan, prevista per il 13 aprile. I tifosi rossoneri vivono l’attesa con sentimenti contrastanti. Siamo andati ad ascoltare le loro voci domenica allo stadio di San Siro, prima della partita Milan-Palermo, che potrebbe essere ricordata come l’ultima del regno di Berlusconi. “Speriamo che i nuovi proprietari abbiano soldi da investire nella squadra, noi vogliamo tornare a vincere”, dichiarano alcuni. “L’Italia è in vendita ai cinesi, se ne vanno i marchi storici anche nel calcio”, osservano altri. “Per noi tifosi l’importante è l’amore per la maglia, ma servirebbe più chiarezza”, obiettano altri ancora. E c’è chi mette in dubbio la verità ufficiale: “Sicuri che Berlusconi venda davvero? Sembra tutta una partita dì giro”. “Una cosa è certa”, aggiunge un tifoso storico: “Con questa operazione stiamo facendo una pessima figura rispetto all’Inter”. Sabato c’è il derby, anticipato alle 12,30 per comodità dei telespettatori cinesi. Potrebbe essere il primo della nuova era.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Juventus-Barcellona: dieci cose, personaggi e sentimenti a cui Dybala somiglia

prev
Articolo Successivo

Ryder Cup, Chimenti (Federgolf): “Soddisfatto, mai avuto dubbi”

next