Si spacciava per funzionario dell’Unione Europea e prometteva di revisionare progetti di investimento destinati a ricevere finanziamenti comunitari in cambio di bustarelle. Sergio Cottignoli, pensionato di 76 anni, è stato arrestato e posto ai domiciliari per truffa aggravata dai finanzieri della Compagnia di Rossano (Cosenza), in coordinamento con la Procura di Castrovillari.

A sporgere denuncia sono stati alcuni imprenditori che lo avevano incontrato. Dopo essersi presentato come funzionario dell’Unione Europea addetto alla revisione dei progetti finalizzati ad ottenere finanziamenti con fondi europei di sviluppo, l’uomo aveva richiesto loro denaro per poter così “velocizzare” le pratiche di finanziamento, come successo nel caso di un progetto concernente la costruzione di un villaggio turistico sulla costa ionica. I Finanzieri hanno registrato e documentato gli incontri tra il falso funzionario e gli imprenditori: in quello conclusivo, il pensionato riferiva di dover fornire ad una banca tedesca garanzie economiche e richiedeva il pagamento anticipato di 48mila euro. Un imprenditore, dopo assicurazione dell’erogazione del finanziamento, ha quindi emesso un assegno intestato a Cottignoli, che poi è stato arrestato in flagranza.

In casa del sedicente funzionario europeo, i finanzieri hanno trovato e sequestrato diversi documenti falsi con intestazione dell’Unione Europea e di istituti bancari tedeschi; un timbro con l’effige della Commissione Europea; alcuni tesserini identificativi falsi con il titolo di “Revisore progetti finanziari Italia” per conto di diverse Commissioni. Sono inoltre stati trovati e sequestrati anche altri timbri recanti l’effige della “Banca Centrale Europea”, oltre a documentazione falsa relativa a pratiche di finanziamenti comunitari.