Tre giovani romeni sono morti annegati all’interno di un’auto caduta nel fiume Serchio, nel Pisano. L’incidente è avvenuto nella serata di sabato a Ripafratta, nel comune di San Giuliano Terme: la Volkswagen Passat su cui erano a bordo ha sfondato il parapetto di un ponte precipitando nell’acqua. Sul posto sono ancora al lavoro i sommozzatori dei vigili del fuoco, che per ora hanno recuperato i corpi di Marius Nicolae, 31 anni, e Cristian Mircea, 26 anni. Risulta ancora disperso Lucian Cristea, 31 anni, che era all’interno dell’auto e il cui corpo potrebbe essere stato trascinato dalla corrente verso il mare, come scrive Il Tirreno. Non c’è certezza invece sulla presenza a bordo di una quarta persona: i parenti delle vittime hanno spiegato ai soccorritori che i tre potrebbero essere andati a prendere un altro amico.

A scoprire l’auto nel fiume sono stati i vigili urbani, dopo che “dei residenti hanno segnalato a una pattuglia una spallata del ponte totalmente divelta“, come ha spiegato il sindaco di San Giuliano Terme, Sergio Di Maio. “L’acqua del fiume non è molto nitida. Sono in corso ricerche per scongiurare la presenza di una quarta persona morta”, ha aggiunto a LaPresse il primo cittadino, che insieme ai familiari sta seguendo sul posto il lavoro dei vigili del fuoco. “All’arrivo dei soccorsi – ha raccontato Di Maio – i cadaveri sono stati subito ancorati dentro la macchina per evitare che la corrente li portasse via”.

I tre giovani mancavano all’appello da sabato sera, tanto che i familiari, preoccupati per la loro assenza, avevano già denunciato la scomparsa ai carabinieri in mattinata. Le vittime abitavano ad appena cento metri di distanza dal luogo dell’incidente: in pratica, spiega Il Tirreno, sarebbero arrivate a casa appena superato il ponte. Non sono ancora chiare le cause dell’incidente.