Ora basta. Il 7 ottobre al direttivo dell’Associazione nazionale magistrati amministrativi (Anma) si minaccia battaglia. Contro la decisione di Matteo Renzi di indicare per un posto al Consiglio di Stato, Antonella Manzione. Già capo dei vigili urbani a Firenze e poi voluta a Roma dal premier al vertice del Dipartimento affari giuridici della Presidenza del Consiglio (Dagl). “Vogliamo verificare se ci siano i presupposti per un ricorso contro questa nomina. Non si tratta di una questione infondata, anche perché già sulla nomina di Manzione al Dagl erano stati fatti rilievi dalla Corte dei Conti”, spiega a ilfattoquotidiano.it Fabio Mattei, segretario generale di Anma che non nasconde l’amarezza. “E’ la prima volta che dal governo vengono indicati per Palazzo Spada nominativi così poco qualificati. E che nella loro funzione saranno chiamati a giudicare affari milionari. O a dare pareri su provvedimenti dello stesso esecutivo che li ha nominati pur essendo privi dei requisiti previsti”.

TODOS CABALLEROS Possibile  che non ci fossero altre professionalità su cui puntare? E’ la domanda che sollevano dall’associazione. “Per fare spazio a nomine come quella della Manzione si è addirittura forzato la legge”, accusa Mattei. Che aggiunge: “La normativa prevede un requisito minimo di  età, 55 anni che lei non ha. Oltre che preparazione e qualifiche che fino ad oggi avevano portato a scegliere professori universitari ordinari, avvocati di lungo corso, magistrati di corte d’Appello o altissimi dirigenti pubblici. Qui invece, con il rispetto dovuto, siamo al todos caballeros”, spiega il presidente dell’Anma a proposito “dell’ultima infornata governativa. Che ha, come mai prima, una fortissima connotazione politica”.

PALAZZO OCCUPATO  Ma al direttivo del 7 ottobre sarà esaminata al microscopio quella che più d’uno definisce una strategia del governo per  occupare ‘manu militari’ Palazzo Spada, il cuore della giustizia amministrativa. “Si intravvede un unico filo conduttore nelle decisioni dell’esecutivo Renzi. Che parte da quella di mantenere in servizio alcuni magistrati, spostando solo per loro e quindi in maniera assolutamente anomala anche per la scelta di farlo con decreto legge, il termine per la pensione: è un  fatto grave perchè lede l’imparzialità e l’indipendenza della giustizia”, dice Mattei. Che non fatica a definire questa mossa “un blitz del governo”. Non l’unico, peraltro.

GIUSTIZIA ALL’ATTACCO A Malissimo digerito anche l’emendamento infilato ‘alla chetichella’ in commissione Giustizia alla Camera che spalanca le porte dell’organo di autogoverno della magistratura amministrativa, completamente elettivo con la sola eccezione del suo presidente, a due membri di diritto. “Nessuno si è premurato di consultare il Consiglio di presidenza. A noi, che addirittura siamo stati sentiti in Commissione qualche giorno prima, non avevano detto nulla. Neppure un accenno”, si rammarica  il segretario di Anma: “Con questa decisione si altera  il peso dei membri elettivi del Consiglio di presidenza, incidendo sulla rappresentanza. Insomma, un’ulteriore intromissione che consente di fatto al governo di mettere le mani sulla giustizia amministrativa”. Che ora è pronta a reagire.

DIMISSIONI IN VISTA La Giunta Anma ha chiesto un incontro urgente al presidente della Commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti. E a David Ermini, altro esponente del Pd che da relatore del decreto ha proposto l’emendamento incriminato. E che consentirà l’ingresso in Consiglio di Presidenza al presidente aggiunto del Consiglio di Stato, Filippo Patroni Griffi. E al presidente del tribunale amministrativo regionale con maggiore anzianità di ruolo, il cui identikit sembra corrispondere oggi quello del presidente del tar Toscana Armando Pozzi. “Chiediamo lo stralcio di questa previsione: se dovesse passare anche in aula, i sei membri eletti a Palazzo Spada dai tar si vedrebbero costretti alle dimissioni. La loro presenza nell’organo di autogoverno a quel punto, nonostante rappresentino la stragrande maggioranza dei magistrati amministrativi, sarebbe totalmente marginale. Bisogna a tutti i costi impedire questa operazione verticistica dal sapore chiaramente politico”.