Spari dal tetto del centro commerciale Olympia-Einkaufszentrum a Monaco, il più grande di tutta la Baviera. E anche dentro a un McDonald’s nella stessa area. Un 18enne tedesco incensurato di origini iraniane ha assaltato il mall “da solo”, dice la polizia, “sparando a caso” ai passanti con una pistola anche se “forse aveva dei complici all’interno del centro commerciale”. Poi si è suicidato: il suo corpo è stato trovato alle 20.13 a un chilometro dall’Olympia. Aveva una “doppia cittadinanza” e non era un profugo, ha riferito il capo della polizia di Monaco, Hubertus Andra, nel corso della conferenza notturna. Nel suo zaino non è stato ritrovato nessun esplosivo.

I morti sono dieci. Una di loro è una giovane di 15 anni, un altro è l’attentatore. E a notte fonda è stata ritrovata anche la sua auto. I feriti sono 16, e alcuni sono bambini. Tre fra le persone colpite sono in gravi condizioni. Al momento non c’è alcuna indicazione relativa a una matrice islamica dell’attentato terroristico che a partire dalle 17.52 ha gettato la città di Monaco nel panico, paralizzando traffico e metropolitana e determinando lo stato di emergenza. Inizialmente, però, si pensava che ad entrare in azione fosse stato un commando di tre persone, poi scappate. Soltanto intorno all’1.30 la polizia ha chiarito che il killer ha agito da solo.

Dalla testimonianza di una donna musulmana emerge che il 18enne ha “sparato ai bambini” che si trovavano all’interno del McDonald’s al grido di “Allah Akbar“, dopo avere caricato la pistola in bagno (leggi). Altri testimoni riferiscono che avrebbe gridato “Scheiß Ausländer”, cioè “straniero di merda“. E anche “fottuti turchi“, aggiungendo poi: “Sono tedesco”. Ma non solo: la tv N24 ha mostrato un video (qui) in cui un cittadino, dal tetto del palazzo adiacente al centro commerciale, lo insulta chiamandolo con l’equivalente tedesco di “stronzo”. Lo scambio fra i due avviene in dialetto bavarese: l’attentatore dice “sono tedesco”, nato in Germania nel Harz IV, un quartiere povero e abitato da percettori di sussidio pubblico e aggiunge di essere stato sottoposto a “cure psichiatriche”. Un episodio che avviene a soli tre giorni di distanza dall’aggressione di un 17enne afghano che su un treno, sempre in Baviera, ha accoltellato cinque persone prima di essere ucciso dalle forze di polizia. Isis aveva rivendicato l’attacco.

Il centro commerciale Olympia Einkaufszentrum – Abbreviato in OEZ, è il più grande centro commerciale di Monaco e di tutta la Baviera. Nato nel 1972, in occasione dei Giochi Olimpici, è diventato in breve tempo una mecca dello shopping. Negli anni il centro è stato ampliato e modernizzato. Nel ’72 questo tipo di centro commerciale per la Germania era una novità e si è affermato come una vera e propria attrazione per la regione. L’Olympia Einkaufszentrum è costruito su due piani, all’interno ha un grande magazzino, 135 negozi di abbigliamento oltre a numerosi caffè e ristoranti. Il tutto sotto un tetto di vetro. Il centro commerciale si trova nella zona dell’Olimpiapark, parco olimpico costruito in occasione dei Giochi estivi del ’72, a nord di Monaco. Si trova in una zona di Monaco chiamata Oberwiesenfeld e continua ad essere utilizzato come luogo di eventi culturali, sociali e religiosi.

CRONACA ORA PER ORA

ore 2.50 – “3 feriti gravi”
Tre dei feriti dell’attacco di Monaco sono “gravi” e 13 “leggeri”: lo ha detto il capo della polizia di Monaco, Hubertus Andrae, confermando fra i feriti ci anche “bambini” e “adolescenti”.

ore 2.28 – “Attentatore era un 18enne tedesco di origini iraniane”
L’attentatore di Monaco era un diciottenne tedesco-iraniano incensurato residente nel capoluogo bavarese: lo ha rivelato in conferenza stampa il capo della polizia di Monaco, Hubertus Andra. 

ore 1.39 – “Fine dell’emergenza. Trovato l’attentatore, che ha agito solo”
La polizia di Monaco ritiene molto probabile che l’attentatore di Monaco abbia agito da solo e si sia suicidato. “Abbiamo trovato una persona che si è uccisa”, ha scritto la polizia sul suo account Twitter. “Si tratta con molta probabilità dell’attentatore il quale, in base alle indagini attuali, ha agito da solo”, viene aggiunto in un secondo messaggio.

ore 1.08 – “21 persone portate in ospedale”
“Complessivamente 21 persone sono state trasportate in ambulanza dal centro commerciale a ospedali della città, con ferite da lievi a gravi”: lo ha detto il portavoce della polizia di Monaco, Marcus Da Gloria Martins. In nottata è prevista una conferenza stampa nella sede della polizia di Monaco, si è appreso nel capoluogo bavarese.

ore 00.24 – Arrivano le teste di cuoio
Oltre alle teste di cuoio del GSG9 della Polizia, a Monaco sono stati dispiegati i reparti d’elite BFE+, una unità speciale con una particolare formazione militare che è stata istituita in Germania dopo l’attentato al Bataclan a Parigi. Lo sforzo delle autorità tedesche è al massimo, ma nulla si sa ancora della caccia all’uomo degli attentatori.

ore 00.20 – Una donna al Nyt: “Non so neanche se mio figlio sia vivo”
Una donna racconta al quotidiano statunitense che la figlia e il figlio erano andati al centro commerciale. Si sono separati davanti al McDonald’s, quando l’aggressore ha aperto il fuoco. La ragazza è riuscita a scappare, ma il giovane è rimasto ferito. I loro genitori, nonostante siano già stati in quattro ospedali, finora non l’hanno trovato né hanno notizie sulle sue condizioni.

ore 00.13 – Mille soccorritori in città. “Mai visto un intervento di queste dimensioni in Baviera”
Il portavoce dei servizi di soccorso ha riferito che sono mille soccorritori tra vigili del fuoco e Croce rossa in servizio a Monaco dopo l’attacco al centro commerciale. A disposizione ci sono 16 elicotteri e lo stato di allerta non è stato ancora abbassato. Secondo il responsabile, non si è mai visto un intervento di queste dimensioni in Baviera. Nel parco Olympia sono stati allestiti due tendoni dove anche i testimoni e i familiari ricevono assistenza psicologica. Non sono state fornite al momento informazioni sull’identità delle vittime ed è previsto un briefing nelle prossime ore.

ore 00.04 – Polizia: “Mandateci foto e video”
La Polizia di Monaco ha aperto una piattaforma informatica su cui chiede di caricare tutti i video e le foto ripresi durante la strage del fast food. Ogni elemento sarò utile alle indagini.

ore 23.43 – Polizia ispeziona un cadavere con un robot
La polizia di Monaco intende ispezionare il corpo trovato nei pressi del centro commerciale Olympia Einkaufszentrum (Oez), che potrebbe appartenere a uno degli assalitori, con un robot, perché teme che possano esserci degli esplosivi. Lo riferisce il giornalista Oliver Bendixen dell’emittente Bayerische Rundfunk

ore 23.28 – Circolazione di tram, bus e treni interrotta

ore 22.49 – Dichiarato lo stato d’emergenza

ore 22.41 – Corpo senza vita di un uomo vicino al centro commerciale: “Forse è l’attentatore”
Il corpo senza vita di un uomo nelle immediate vicinanze del centro commerciale di Monaco potrebbe essere di uno degli attentatori: lo ha detto un portavoce della Polizia.
“Stiamo controllando questa eventualità con il massimo scrupolo”, ha detto.

ore 22.39 – “Certi di un solo attentatore. Non si esclude l’ipotesi di complici”
Il ministro alla Cancelleria federale Peter Altmaier (equivalente in Italia al sottosegretario alla presidenza del Consiglio) sostiene che ci sono notizie al momento di un solo attentatore. “Al momento abbiamo la sicurezza di una persona”, ha detto, aggiungendo che è in fuga. “Non sappiamo con sicurezza se questa persona avesse dei complici”. Con riferimento ai motivi o alla origine dello o degli attentatori, dice “non escludiamo alcuna ipotesi”.

ore 22.28 – “Uno degli assalitori ha gridato ‘Turchi di merda'”
Uno degli assalitori di Monaco ha gridato ‘Turchi di merda’. È quanto conferma la Bild. Lo stesso giornale aveva precedentemente citato il racconto fatto da un testimone oculare all’emittente tedesca Rtl, secondo cui l’uomo aveva gridato ‘Scheiß Ausländer’, cioè ‘Stranieri di m***à. Questo attentato di Monaco cade nel quinto anniversario del massacro di Oslo e Utoya, compiuto il 22 luglio del 2011 dall’estremista di destra norvegese Anders Behring Breivik, in cui furono uccise 77 persone.

ore 22.22 – Testimone: “Killer sparava ai bambini”
“Ho sentito gli spari, poi ho visto i feriti. Ero spalla a spalla con l’attentatore, ero in bagno con mio figlio. L’ho visto sparare direttamente in faccia ai bambini”. Così Lauretta Januze, una testimone della sparatoria a Monaco, ha raccontato quello che è accaduto alla Cnn spiegando che suo figliosi trovava in bagno con uno dei killer da McDonald’s. “Lì – ha raccontato – ha caricato l’arma”.

ore 21.58 – Isis su Twitter: “Ci stiamo espandendo in Europa” 
I sostenitori dell’Isis stanno celebrando sui social network la sparatoria avvenuta questa sera a Monaco, in Germania, anche se non si sa ancora se l’attacco sia o meno di matrice islamica.

ore 21.52 – Cnn: “Uno dei killer ha preso di mira i bambini al McDonald’s'”
Uno dei killer in azione a Monaco avrebbe preso di mira i bambini che si trovavano all’interno del McDonald’s dove sembra sia iniziata la sparatoria. Lo riporta uno dei testimoni oculari citati dalla Cnn.

ore 21.32 – Polizia: “In azione fino a tre attentatori”
La polizia ritiene che siano entrati in azione fino a tre attentatori che al momento sono ancora ricercati.

ore 21.30 – Controlli verso Austria e Repubblica Ceca
La Germania ha istituito controlli alle frontiere verso l’Austria e la Repubblica Ceca dopo l’attacco al centro commerciale di Monaco.

ore 21.25 – Tv: “Spari dal tetto del centro commerciale”
Nel centro commerciale Olympia Einkaufszentrum (Oez) a Monaco almeno tre spari sono stati esplosi dal tetto. È quanto riferisce all’emittente locale Bayerische Rundfunk una testimone, che si trovava nel McDonald’s vicino al centro commerciale.

ore 21.22 – Rafforzate misure di sicurezza a Berlino
Rafforzate le misure di sicurezza in tutta la Germania dopo l’attentato di Monaco. Al centro di Berlino si sono sentite diverse sirene, e a Gendarmenmarkt, dove è in corso uno spettacolo di musica di Walzer all’aperto, sono arrivati mezzi della Polizia da cui con discrezione sono scesi degli agenti che presidiano la piazza. (ANSA).

ore 21.13 – Obama: “Siamo coi tedeschi”
Pieno sostegno alla Germania è stato espresso dal presidente americano Barack Obama. “I nostri cuori sono con i tedeschi”, ha dichiarato il leader della Casa Bianca.

ore 21.01 – Media: “Un attentatore urlava contro gli stranieri”
La tv N24 ha riferito che una testimone oculare avrebbe sentito uno dei tre attentatori gridare “stranieri di merda”. La notizia non ha al momento una conferma ufficiale ma viene riferita anche dal sito del quotidiano locale Abendzeitung citando “altri testimoni”, ma aggiunge che si tratta di “voci”.

ore 20.40 – Bild: “Un assalitore si è suicidato”
Secondo informazioni del giornale tedesco Bild, uno degli assalitori di Monaco si sarebbe sparato alla testa nel centro commerciale Olympia Einkaufszentrum (Oez).

ore 20.38 – I servizi di sicurezza non escludono il terrorismo
Fonti dei servizi di sicurezza tedeschi citati dalla Dpa per la prima volta non escludono che quello avvenuto a Monaco possa essere un atto terroristico.

ore 20.29 –  Chiesto l’intervento del corpo d’élite anti-terrorismo
Secondo la tv pubblica regionale Wdr, la baviera ha richiesto l’intervento dei GSG 9 (i Grenzschutzgruppe 9), il corpo d’élite anti-terrorismo e operazioni speciali appartenente alla Bundespolizei, la polizia federale tedesca.

ore 20.13 – Polizia: “I tre sospetti attentatori sono in fuga”
Tre sospetti attentatori della sparatoria al centro commerciale Olympia sarebbero ancora in fuga in città. Lo riferisce la polizia ripresa da media tedeschi.

ore 20.04 – Evacuata la stazione centrale di Monaco per un’azione della polizia

ore 19.49 – Polizia: “Non pubblicate foto o film. Aiutano gli attentatori”
La Polizia di Monaco invita in un tweet a non pubblicare immagini dell’operazione in corso si internet o sui social.

ore 19.44 – Ministro dell’Interno: “Tre morti”

ore 19.38 –  Scene di panico dopo la sparatoria
Scene di panico nella zona pedonale vicina al centro commerciale Olympia di Monaco, dove c’è stata la sparatoria che secondo la polizia ha lasciato sul terreno morti e feriti. La gente è scappata via urlando e piangendo mentre la polizia arrivava con ‘armi lunghe’.

ore 19.25 – Vigili: “Nessuna sparatoria in centro”
Secondo i vigili del fuoco non c’è stata una seconda sparatoria nella Karlplatz, al centro di Monaco. Lo riporta la tv pubblica bavarese “Br.

ore 19.23 – Sparatoria iniziata in un McDonald’s
La sparatoria nel centro commerciale sarebbe iniziata in un fast food: secondo un giornalista della BR si tratta di un McDonald’s.

ore 19.22 – Polizia: “Evitate le piazze”
La polizia ha lanciato l’avviso su Twitter ai cittadini di Monaco di evitare le piazze della città: “La situazione è ancora incerta”.

ore 19.05 – “Attentatore in fuga”
Secondo la tv all news N24 l’attentatore di Monaco sarebbe in fuga. Vengono citati testimoni oculari. La metropolitana di superficie è stata chiusa.

ore 19 – Polizia ai cittadini: “Evitate la zona del centro commerciale”
In un tweet, la polizia di Monaco ha annunciato di avere in corso una “grande intervento” nell’Olympia-Einkaufszentrum (Oez) e ha invitato ad evitare la zona. Il sito della Sueddeutsche Zeitung (Sz) ricorda che il centro commerciale è “nel nord della città” e un dipendente della struttura ha riferito che “non possono lasciare i negozi”. Il sito informa che il traffico della metropolitana di superficie “è interrotto”.