“E’ andato tutto bene, ora sono più tranquillo”. Così Gianni Letta, da sempre fedelissimo di Silvio Berlusconi, ha commentato l’operazione al cuore che ha subito l’ex presidente del Consiglio all’ospedale San Raffaele di Milano. L’intervento, finalizzato a sostituire la valvola aortica, è iniziato alle 8 di mattina ed è terminato dopo quattro ore. Secondo fonti dell’ospedale, in sala operatoria non ci sono state complicazioni.  “E’ andato tutto come avevamo previsto”, ha confermato all’AdnKronos Salute, il medico personale Alberto Zangrillo.

Ora per il leader di Forza Italia inizierà, come da normale iter post operatorio, il trasferimento in terapia intensiva, dove rimarrà un paio di giorni, per poi iniziare la riabilitazione che durerà circa un mese. A eseguire l’operazione è stato il professor Ottavio Alfieri, primario dell’Unità operativa di Cardiochirurgia dell’Irccs di via Olgettina, con la sua équipe, insieme al professor Alberto Zangrillo, primario dell’Uo di Anestesia e Rianimazione generale e di Anestesia e Rianimazione cardio-toraco-vascolare, medico personale dell’ex premier.

All’esterno della struttura sono arrivati numerosi giornalisti e la compagna del leader di Forza Italia, Francesca Pascale, è stata fotografata in lacrime mentre era affacciata al balcone. Sono arrivati in visita al San Raffaele il fratello dell’ex premier Paolo Berlusconi e il presidente di Mediaset Fedele Confalonieri, che ha detto che Berlusconi “è forte e supererà anche questa”.

Fuori dall’ospedale si è presentato anche un tifoso del Milan che si è presentato con tre cartelloni di sostegno a Berlusconi. In uno scrive ‘Presidente, grazie di esistere’, in un altro gli chiede di non vendere la squadra. Il fan dell’ex premier ha stretto la mano all’altro simpatizzante che ha trascorso la notte davanti al San Raffaele con una bandiera di Forza Italia, il tutto davanti a fotografi e cameramen.