Almeno 45 persone sono morte a causa di un’epidemia di colera che sta investendo Zanzibar dal marzo scorso. “Oggi sono circa 3mila le persone ricoverate in ospedale con i sintomi del colera”, ha detto Muhammad Dahoma, il direttore della prevenzione delle malattie e di controllo del ministero della Salute. Il governo dell’isola africana ha preso provvedimenti per arginare l’epidemia, tra cui il divieto di vendita di cibo e succhi di frutta in aree aperte, comprese le spiagge. Il governo ha anche installato diversi campi nelle isole di Unguja e Pemba per isolare i pazienti affetti da colera.

Intanto, fa sapere l’agenzia Associated Press, le forti piogge intasano i sistemi fognari aggravando la diffusione dell’epidemia e mettendo in pericolo quella che è una delle principali fonti di guadagno del Paese. “L’epidemia di colera – spiega infatti ancora Ap – è una minaccia per l’industria del turismo, soprattutto in questi mesi quando la stagione turistica entra nel vivo”.