Pacchi di pasta, latte e intere buste della spesa distribuiti in un quartiere popolare in cambio di voti per le elezioni regionali in Sicilia. È per questo motivo che due esponenti del Nuovo Centrodestra sono indagati per voto di scambio dalla procura di Palermo. Si tratta di due figure di spicco del partito di Angelino Alfano in Sicilia: sotto inchiesta è finito infatti il coordinatore di Ncd sull’isola, Francesco Cascio, deputato regionale ed ex presidente dell’Assemblea regionale siciliana, e Marcello Gualdani, eletto alla Camera dei deputati nel 2013.

L’indagine prende spunto da alcune intercettazioni telefoniche, registrate durante la campagna elettorale per le elezioni regionali dell’ottobre del 2012. È in quei giorni che il Gico della Guardia di Finanza s’imbatte nelle conversazioni di alcuni galoppini, in passato indagati per spaccio, che si danno un gran da fare al Villaggio Santa Rosalia, un quartiere popolare palermitano. Attaccano i manifesti elettorali, distribuiscono le derrate alimentari destinate ai meno abbienti tra i propri clientes, e poi prendono nota dei seggi elettorali in cui andranno a votare. “Mi devi fare avere le sezioni: nome e cognome di queste persone” , dice al telefono uno degli otto indagati, a pochi giorni dal voto. L’inchiesta va avanti per due anni nel più assoluto riserbo. Poi il 30 settembre del 2014 i pm Alessandro Picchi e Sergio Barbiera chiedono l’archiviazione, negata dal gip Lorenzo Jannelli. Quindi, a tre anni e mezzo di distanza dai fatti, interviene la procura generale che decide di avocare l’inchiestaIl motivo? “Le indagini fin qui espletate appaiono incomplete e all’attività d’intercettazione non è seguita alcuna indagine volta a riscontrare le informazioni acquisite”, scrive il sostituto procuratore generale Luigi Patronaggio nel suo decreto d’avocazione. Per il pg risultano inoltre “incomplete le iscrizioni nel registro delle notizie di reato” e “non sono stati approfonditi i rapporti tra i procacciatori di voto, i beneficiari e la malavita organizzata”.

Nell’udienza camerale fissata dal gip per il 24 marzo, dunque, il pg Patronaggio chiederà di potere ritirare la richiesta d’archiviazione depositata un anno e mezzo fa dai colleghi della procura, ordinando quindi nuove indagini. “Se già la procura della Repubblica, al termine delle indagini, aveva riconosciuto la mia assoluta estraneità a qualsiasi ipotesi di reato, la richiesta di avocazione delle indagini da parte della procura generale non mi turba e anzi farò immediata richiesta per essere sentito in merito a quanto mi viene contestato”, dice Cascio, difeso dall’avvocato Enrico Sanseverino. E in attesa di capire quale sarà il futuro l’inchiesta sui due esponenti di Ncd, le intercettazioni delle Fiamme gialle ricostruiscono il contesto dei rapporti nell’autunno del 2012 all’interno del Pdl, dal quale provengono i due politici indagati. Come quando Cascio, proprio durante le operazioni di voto, chiede ad uno dei suoi fedelissimi: “Gli abbiamo rotto il culo a Scoma? È questo che mi vuoi dire?”. Francesco Scoma, dal 2013 senatore del Pdl (e poi rimasto in Forza Italia) fu eletto sua volta all’Ars nell’ottobre del 2012 con ottomila voti: cinquemila in meno rispetto a quelli ottenuti Cascio. Che nella stessa telefonata, motivava così la possibile debacle del collega di partito: “Secondo me la gente gli ha fottuto i soldi a Scoma. C’è gente che si è pagata le campagne elettorali prossime con i soldi di Scoma”.