Wilhelm Kusterer, uno dei boia della strage di Marzabotto, premiato con una medaglia dal comune tedesco di Engelsbrand. per “meriti” legati alla sua attività politica di consigliere comunale per 22 anni (1975-1997). A scoprirlo, leggendo le pagine del giornale Pforzheimer Zeitung è stato il presidente del comitato onoranze ai caduti Walter Cardi che ora guida la protesta dei familiari delle vittime dell’eccidio nazifascista avvenuto in provincia di Bologna tra il 29 settembre e i primi di ottobre del 1944. “La Germania”, chiedono in coro, “intervenga e revochi il riconoscimento”.

Kusterer, 93 anni, è stato condannato all’ergastolo dalla Corte militare d’appello di Roma. “Resto sbigottito”, ha detto il difensore di parte civile dei familiari Manrico Bonetti, “di fronte a questa immagine. E’ inammissibile che un criminale di guerra condannato all’ergastolo venga premiato. Kusterer fu difeso in giudizio, ma alla fine venne condannato alla pena massima. E’ un fatto eccezionalmente grave”. Il criminale, come ricorda il legale, fu comandante nella terza Compagnia e ammise di essere stato in azione a Monte Sole e l’area in cui operò i massacri la sua Compagnia fu quella di Casaglia, Caprara, Colulla, Abelle e San Giovanni di Sotto.

All’appello si sono uniti anche i rappresentanti politici sul territorio e la Regione Emilia Romagna. “Quella medaglia”, ha detto l’assessore alla Cultura e alla legalità Massimo Mezzetti, “è un oltraggio non solo alle 1150 persone barbaramente uccise dall’ex Ss e ai loro familiari, ma a tutti noi che da sempre siamo impegnati nel tramandare il ricordo dell’orrore nazifascista per costruire un futuro democratico e di pace”. E ha concluso: “Nelle prossime ore muoveremo tutti i passi necessari nei confronti del Lander Baden-Wurttemberg e del Comune di Engelsbrand per chiedere l’immediato ritiro dell’assurdo riconoscimento assegnato a un criminale nazista responsabile dell’eccidio di Marzabotto e di altre stragi in Italia”.

Il Pd ha annunciato che sarà presentata un’interrogazione in commissione Esteri. “Condivido lo sdegno delle famiglie delle vittime”, ha detto la vicepresidente dem Sandra Zampa. “A nessuno sia permesso mai profanarne la memoria e dimenticare il monito della Storia”. Messaggio di condanna anche da parte dell’ex  sindaco di Marzabotto e ora deputato Pd Andrea De Maria: “Chi scrive”, ha detto, “era primo cittadino quando il presidente della Germania Johannes Rau venne nel 2002 a Monte Sole a rendere omaggio ai familiari delle vittime, pronunciando parole fortissime di condanna del Nazismo. Da quella Germania che ha scelto la strada della libertà e della democrazia oggi ci aspettiamo coerenza e comportamenti conseguenti. Non si tratta di guardare al passato ma al contrario di affermare verso il futuro i valori comuni della nuova Europa nata dalla sconfitta della barbarie nazista e fascista”.