Quarto, Flash mob del Movimento 5 Stelle

Dieci cose sul caso Quarto.

1. Il Movimento 5 Stelle ha impiegato troppo tempo a chiedere le dimissioni del sindaco. Di Battista, stamani sul Fatto, mi dice: “Se la stessa cosa fosse accaduta a un sindaco Pd, avremmo chiesto le dimissioni? Sì”. Appunto: non c’era bisogno di aspettare una settimana, come non c’era bisogno di fare quel primo post autoassolutorio sul blog di Grillo.

2. Bruttino anche il video in cui tre dei cinque del Direttorio parlano seduti su una panchina. A non convincere non è tanto il contenuto, quanto la “resa visiva”. Di Battista è l’unico convincente, mentre Fico è imbarazzatissimo e Di Maio pare Tyrell Biggs dopo la mattanza con Tyson alla settima ripresa. A volte la comunicazione dei 5 Stelle sembra in mano agli stessi che commissionarono il leggendario “Lo smacchiamo!” della bersaniana Geloni.

3. Per i M5S, il caso Quarto è una sorta di fine dell’età dell’innocenza. Dimostra che, per quanto ci si provi (e loro ci provano), le infiltrazioni fanno breccia qua e là anche laddove c’è una forza che prova a restare pulita. Anche per questo la reazione dei 5 Stelle doveva essere immediata e netta. Dire che “il Pd ci ha messo un anno con Mafia Capitale e noi solo una settimana” non basta: superare il Pd sulla questione morale è come superare Bondi in coerenza. Son capaci tutti. Avendo tutti contro, il M5S non può sbagliare neanche una virgola.

4. Il sindaco Rosa Capuozzo si è opposta alle pressioni e ha agito nel giusto, stando almeno a oggi. Lo ha detto anche Cantone. E’ onesta, ma “nel M5S essere onesti non basta” (cit.). Altrimenti non avrebbe avuto senso chiedere le dimissioni di Marino. Non dico che sia gusto o sbagliato, anzi capisco la rabbia della Capuozzo: ma la spina andava staccata subito. Per loro non c’erano altre strade. E’ stata giusta la “soluzione finale”, però tardiva e mal comunicata.

5. Secondo giornali e tivù, i 5 Stelle a Quarto erano a braccetto con la camorra col beneplacito di Fico e Di Maio. Un delirio generalizzato e interessato. Non si capisce bene poi perché Di Maio “doveva sapere per forza” e per questo “si deve dimettere” (è la tesi, tra i tanti, di Fabris Orfini e del capezzone debole Andrea Romano). Ieri, a Otto e mezzo, Damilano sosteneva più o meno che Di Maio doveva accorgersi immediatamente della vera natura di De Robbio e che la sua dabbenaggine dimostra la sua inadeguatezza. Può essere, ma da cosa doveva capirlo? Dagli astri, dalla cabala, dalla fisiognomica? De Robbio – innocente fino a prova contraria – era incensurato e pure pluridecorato. Boh. Se poi Di Maio è una sorta di ebete perché doveva sapere, allora Renzi cos’è, visto che in un anno gli indagati piddini – tra sindaci e consiglieri – son più di 80?

6. Il Pd, spesso bipolare, prima demolisce Saviano se attacca De Luca e poi lo reinventa intellettuale se attacca il M5S. Idem la Commissione Antimafia presieduta della Bindi, ora vile e ora divina. Il bipolarismo è testimoniato anche dalla Picierno, intendo non solo dalla sua esistenza ma anche dal suo manifestare per le dimissioni della Capuozzo. La Picierno intende per caso chiedere le dimissioni anche del sindaco di Como (e mille altri)? Notevole anche Renzi: dice che la Capuozzo non doveva dimettersi, però doveva denunciare il ricatto. Ha ragione, ma ha detto lo stesso al suo amico De Luca quando la Squadra Mobile perquisì gli uffici della Regione Campania il 19 ottobre? Due Renzi e due misure.

7. Esaltante l’erezione di quasi tutti i media, infoiati come ricci erotomani, nel trasformare il caso Quarto nello scandalo del secolo. Sono gli stessi media che hanno minimizzato il caso Boschi, il caso banche, gli scontrini di Firenze e i Rolex arraffati. E’ lo stesso giornalismo che trova vergognoso se una forza subisce un caso (respinto) di infiltrazione in sei anni, mentre si gira dall’altra parte per Mafia Capitale, per le cene di finanziamento con Buzzi o per i tanti indagati piddini ancora al loro posto. Ed è quello stesso giornalismo che spesso non dice che la camorra ha provato a cannibalizzare i 5 Stelle (senza riuscirci) solo perché il M5S, con un ricorso, aveva eliminato dalla contesa politica il referente primo della malavita a Quarto. E quindi non restavano che loro. Volete sapere chi fosse quel “referente primo”? Il Pd. Ops.

8. Renzi dice che la Capuozzo era stata eletta dal popolo. Probabilmente ne è geloso, perché lui al massimo è stato eletto come Paciocco Mannaro del Mese. In ogni caso, se basta essere investiti dal voto popolare per governare a prescindere, urge rimettere Marino al suo posto. Grazie.

9. Paragonare Quarto a Mafia Capitale, oppure equiparare M5S a Pd è esercizio di una disonestà intellettuale senza pari. Sono fatti gravi, ma non sovrapponibili. Anche se fa molto comodo raccontarli così.

10. Il Direttorio (soprattutto Di Maio, Fico e Di Battista) conta ormai più di Grillo e Casaleggio: il secondo, se comandasse davvero, avrebbe cacciato la Capuozzo dopo 7 secondi netti. Questo provocherà sempre più mugugni nel M5S, che perderà consensi e sarà costretto a porsi ulteriori domande su come gestire una crescita enorme. E’ però un Movimento che, anche nella difficoltà, non attacca i magistrati, non demonizza le intercettazioni (anzi ne domanda la pubblicazione integrale), chiede (anzitutto a se stesso) un controllo ancora più spietato delle liste, allontana subito indagati e “chiacchierati”, preferisce la coerenza alle poltrone (Quarto, Gela). Forse ci riesce e forse no, ma che gli altri – quelli che blindano De Luca, che promuovono gli indagati sottosegretari del Governo, che bruciano le intercettazioni, etc. – siano migliori o anche solo più credibili: boh, la vedo un po’ complicata come tesi.

Buona Picierno a tutti.