“Questo non può essere solo un altro summit. Le parole non sono abbastanza, è il momento di agire”. Sono del presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, le prime parole ufficiali che arrivano dal G20 al via domenica 15 novembre ad Antalya, due giorni dopo gli attentati che hanno colpito Parigi causando 129 morti e 352 feriti di cui almeno 90 “in gravi condizioni”. Secondo Tusk “non c’è un forum migliore di questo nel quale affrontare il problema del finanziamento del terrore, che arriva da molti Paesi. Solo se cooperiamo sullo scambio di informazioni sulle transazioni sospette potremo essere efficaci contro il terrorismo”. “Le azioni russe sul terreno in Siria devono essere più focalizzate sull’Isis. Non possiamo accettare azioni contro l’opposizione siriana moderata. L’unico risultato di queste azioni sarà una nuova ondata di rifugiati siriani. E in effetti abbiamo segnali che è già iniziata”, ha aggiunto Tusk. “Non ci sono dubbi che questo dovrebbe essere il nostro obiettivo, coordinare i nostri sforzi contro l’isis. Dobbiamo dire con onestà – ha sottolineato – che non è stata l’opposizione siriana moderata che ha fatto gli attentati a Parigi. E’ stato l’Isis. Voglio fare appello a tutti i leader del G20 di concentrarsi sull’Isis. Quello è il nemico, non l’opposizione moderata”.

DAL FACCIA A FACCIA OBAMA – PUTIN L’IMPEGNO SULLA SIRIA – Della lotta allo Stato islamico hanno parlato il presidente Usa Barack Obama e l’omologo turco Recep Tayyip Erdogan, nel corso di un incontro bilaterale che si è svolto in mattinata. I due leader hanno discusso di nuove iniziative da intraprendere in Siria e Iraq nell’ambito della coalizione internazionale anti-Is. Concetto poi rafforzato dal consigliere del presidente americano per la sicurezza nazionale, Ben Rhodes, secondo il quale gli Usa stanno lavorando con la Francia per intensificare i raid aerei contro l’Isis in Siria e Iraq. Nel pomeriggio, poi, Obama ha avuto un colloquio privato di trenta minuti con il presidente russo, Vladimir Putin. Nel corso dell’incontro (la Casa Bianca ha parlato di “una discussione costruttiva”) è stato preso l’impegno a risolvere il conflitto in Siria che “è più che mai un imperativo“.  I due leader hanno preso atto dei progressi diplomatici fatti a Vienna nelle ultime settimane e ancora sabato. Nello specifico, Obama e Putin hanno concordato sulla necessità di una transizione politica guidata dai siriani, con negoziati mediati dalle Nazioni Unite tra l’opposizione siriana ed il regime, e di un cessate il fuoco. E, mentre prosegue il percorso diplomatico, il presidente americano ha salutato con favore gli sforzi di tutte le nazioni per contrastare lo Stato islamico e ha sottolineato l’importanza degli sforzi militari in Russia concentrati contro questo gruppo. Infine, sull’Ucraina, Obama ha ribadito il suo sostegno per una piena attuazione degli accordi di Minsk e a Putin ha fatto le sue condoglianze per le vittime russe dell’aereo precipitato sul Sinai il 31 ottobre scorso.

Prima dell’inizio dei lavori, il presidente americano che in serata incontrerà il re saudita Salman, ha parlato di  necessità di “insistere con i Paesi della Colazione per raddoppiare gli sforzi per una transizione politica in Siria e per aumentare le pressioni sull’Isis ed eliminare Daesh come forza in grado di arrecare così tante sofferenze alla gente ad Ankara, Parigi ed altre parti del mondo”. I “cieli sono stati oscurati” dagli attacchi di Parigi, che hanno preso di mira “il mondo civilizzato”, ha detto inoltre Obama nel corso dell’incontro con Erdogan, ribadendo la “solidarietà” ai francesi e assicurando il sostegno per “la caccia agli attentatori e consegnarli alla giustizia”. Dal canto suo il presidente turco si è allineato a Tusk almeno per quanto riguarda il nodo economico e ha dichiarato che “la lotta al terrorismo riguarda anche gli “asset finanziari”, il contrasto alle risorse che lo sostengono. Crescita, economia e sicurezza non sono questioni tra loro così distanti”, ha detto Erdogan, sottolineando che il contrasto al terrorismo è questione che riguarda sia “la sicurezza che la finanza“.

JUNCKER: “NON CONFONDERE MIGRANTI CON TERRORISTI” – “Non vanno mischiate le categorie delle persone: i responsabili degli attacchi di Parigi non possono essere confusi con i rifugiati in cerca di salvezza: non mi piacciono queste reazioni”, ha detto invece il presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker a proposito delle reazioni di alcuni Paesi europei dopo gli attacchi di Parigi che hanno invocato maggiore chiusura sui rifugiati dopo gli attentati di Parigi. “Quelli che hanno organizzato questi attacchi e li hanno condotti – ha scandito – sono esattamente quelli da cui fuggono e non il contrario”. La decisione della francia di sospendere Schengen, in ogni caso, “è prevista dallo stesso trattato”.

Richiamo all’unità, poi, dal segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon: “Abbiamo affrontato il terrorismo per anni, ma mai in modo così brutale e su larga scala come quella che vediamo oggi. E’ preoccupante e allarmante. Questo G20 arriva al momento opportuno, per affrontare questo tema con uno sforzo collettivo – ha detto -. Serve uno sforzo coordinato. Dobbiamo intraprendere una forte azione nell’interesse di tutta l’umanità. Serve un piano d’azione complessivo. Spero che i leader siano uniti questa volta”.  Ban Ki-moon ha poi ricordato che “nel 2006 abbiamo creato la Global Counter-Terrorism Strategy e abbiamo dato vita a un centro antiterrorismo” e ha annunciato che “ora, dopo dieci anni, dopo aver sperimentato attentati di tale brutalità come quelli di Parigi, dobbiamo pensare in modo ancora più complessivo e coordinato. Per questo stiamo contattando tanti Paesi nel mondo per verificare le capacità operative antiterrorismo di ciascun Paese e capire come portarle a un livello standard. Questo è quello che presenterò presto all’Assemblea generale“.  La risposta al terrorismo, ha aggiunto, deve “essere ferma, robusta”, ma nel “rispetto delle leggi” e dei diritti umani altrimenti si contribuirà “ad alimentare il circolo di violenza“.

E mentre il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi ha parlato di “affrontare senza isteria” un “momento delicato”, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha rimarcato che “al summit del G20 stiamo dando nel modo più determinato il messaggio che siamo più forti di qualsiasi forma di terrorismo”.

GALANTINO AI LEADER DEL G20: “CHI DI VOI HA VENDUTO LE ARMI?”- “Chiedo che al G20 si guardino in faccia e si dicano ‘chi di noi ha venduto le armi?’ Io questo l’ho già detto, e sono stato ridicolizzato, ma questo mettersi alla ricerca di gesti che facciano interposizione, ma non lo si fa andando ad armare altre persone”. Lo ha mandato a dire il segretario dei vescovi italiano, Nunzio Galantino, dalle telecamere di In mezz’ora. “C’è una tristezza che mi porto dentro anche ascoltando queste cose, in questa trasmissione – ha rimarcato il vescovo – ma chi sta partecipando al G20 veramente ha in testa e nel cuore la voglia di risolvere questo problema non guadagnandoci niente, non necessariamente in termini di danaro, ma di prestigio, di influenza? Veramente vogliono questo?”.

PARIGI PREPARA LA PROROGA DI TRE MESI DELLO STATO DI EMERGENZA – Mentre in Turchia si apriva il G20, a Parigi il presidente francese ha incontrato il suo predecessore Nicolas Sarkozy, leader dei Repubblicani. L’incontro è durato un’ora e un quarto. “La parola guerra non la usiamo per caso o alla leggera”, ha detto l’ex presidente francese  all’uscita dall’Eliseo. “Il rischio – ha proseguito – è che questi episodi si ripetano, ed è un rischio a lungo termine, di questo dobbiamo tener conto. C’è grande inquietudine”.  L’ex presidente conservatore ha portato a Hollande richieste precise e, in particolare, “drastiche modifiche della politica di sicurezza“, la costruzione di “risposte adeguate, un inasprimento della nostra politica estera e decisioni sul piano europeo”.

Intanto il ministro francese dell’Interno, Bernard Cazeneuve, ha chiesto l’organizzazione di una riunione straordinaria con gli omologhi dell’Unione europea del Consiglio giustizia e affari interni, per “rafforzare” la lotta contro il terrorismo dopo gli attentati di Parigi e per discutere dell’intensificazione dei controlli alle frontiere ma all’interno del sistema Schengen. L’incontro è stato fissato per il 20 novembre a Bruxelles. Altre due misure che verranno discusse sono la lotta al traffico d’armi e il database dei viaggiatori (PNR).  Il sistema per identificare i passeggeri che viaggiano all’interno e fuori dall’Europa deve infatti essere riesaminato, a livello Ue, dai ministri dell’Interno e della Giustizia. La cooperazione tra Francia e Belgio “sarà rafforzata” perché i due Paesi “sono uniti nella lotto contro il terrorismo” e “gli attentati sono stati preparati all’estero, ma hanno mobilizzato una squadra di attentatori in Belgio con complicità in Francia”, ha detto Cazeneuve in una conferenza stampa con il suo omologo belga. Il premier belga Charles Michel e la commissaria della polizia federale Catherine De Bolle hanno invece annunciato che presto arriverà un piano per fronteggiare la situazione a Molenbeek, diventata la base per le azioni terroriste.

Sul fronte interno, lunedì alle 16 Hollande interverrà nella sala dei Congressi a Versailles per “unire la nazione”: per ascoltarlo 577 deputati e 348 senatori si riuniranno per una sessione congiunta. Si tratta della prima volta dal 2009. Oltre che ai parlamentari, si rivolgerà “a ciascun francese” e “alla comunità internazionale”, ha dichiarato il presidente dell’Assemblea Nazionale, Claude Bartolone, che presiederà questo congresso. Durante il suo discorso a Camera e Senato riuniti, il presidente francese dovrebbe annunciare misure precise sulla situazione militare e l’impegno in Siria, sulla lotta contro il terrorismo e contro l’Islam radicale. Mercoledì, poi, verrà presentato al consiglio dei ministri un disegno di legge verrà per estendere di tre mesi lo stato di emergenza decretato venerdì. Il testo verrà esaminato dal parlamento che deve – secondo la costituzione – convalidare qualunque proroga del provvedimento oltre i 12 giorni.

IRAN: “SI CONDANNI IL TERRORISMO NELLO STESSO MODO OVUNQUE COLPISCE” – Dal Medioriente, come già accaduto sabato, è tornato il richiamo al conflitto israelo-palestinese. Questa volta a parlarne è stato il presidente israeliano Benyamin Netanyahu: “In Israele come in Francia, il terrorismo resta terrorismo. E’ giunto il momento che i Paesi nel mondo condannino il terrorismo rivolto contro di noi così come quando si verifica altrove nel mondo. Il presidente palestinese Abu Mazen, che ieri ha condannato gli attentati in Francia, dovrebbe condannare anche gli attentati rivolti contro israeliani innocenti”, ha detto. Nelle sue parole polemiche verso Abu Mazen, Netanyahu si riferiva in particolare alla uccisione, avvenuta venerdì in un’imboscata armata presso Hebron (Cisgiordania) di un israeliano e di un suo figlio. “L’ignobile terrorista – ha detto Netanyahu ai ministri – è stato catturato, appartiene alla Jihad islamica”. Secondo il premier israeliano esiste una somiglianza “fra i terroristi che hanno agito in Cisgiordania” con quelli che hanno seminato la morte a Parigi. Abu Mazen – a suo parere – dovrebbe condannare gli uni e gli altri.

Dal canto suo il primo vice presidente iraniano, Eshaq Jahangiri, ha sottolineato come la condanna del terrorismo richieda “uno standard unico” a prescindere da dove colpisce. Citato dall’agenzia ufficiale Irna, Jahangiri ha affermato che le azioni dei terroristi “minacciano la pace e la sicurezza universali e la vita di gente innocente, ovunque esse siano perpetrate, che sia in Iraq, in Siria, in Libano o a Parigi”. Il vice di Hassan Rohani ha definito gli attacchi terroristici come “crimini odiosi” e ha affermato che, per far fronte a questa minaccia, c’è bisogno di “volontà ferma, determinazione nazionale e coordinamento internazionale”. Ma, ha aggiunto, non si può accettare che “la morte di migliaia di persone in Libano, Iraq e Siria attiri poca attenzione, mentre gli stessi incidenti in altri posti causano una tempesta”. Anche il presidente della commissione Esteri del parlamento iraniano, Nozar Shafiie, si è pronunciato sugli attacchi in Francia, condannando le operazioni del sedicente Stato islamico (Is) tanto a Parigi quanto a Beirut. Parlando all’Irna, Shafiie ha anche denunciato “l’errore stragico” commesso dall’Occidente nel suo presunto sostegno all’Is. Il presidente della commissione Esteri ha rivelato di aver telefonato all’omologo francese per esprimere il suo cordoglio, ma anche per affermare che gli attentati sono il risultato degli errori commessi dalla Francia e dagli altri Paesi occidentali in Siria.