“Nel braccio di ferro in corso tra Difesa e Tesoro sul budget militare quale carta migliore di una ‘necessità operativa’ per difendere i fondi destinati alla spesa militare? Quale migliore scusa per un rafforzamento, altro che tagli, del budget della Difesa di una bella eventualità di impegno diretto contro le milizie terroriste dell’Isis?”. Francesco Vignarca, coordinatore della Rete Italiana Disarmo commenta così la notizia che anche i Tornado italiani parteciperanno ai bombardamenti contro l’Isis in Iraq. L’inaspettata decisione della Difesa non è ancora ufficiale, ma la prima bomba – politica – è già stata sganciata sull’obiettivo: il Ministero del Tesoro e la sua richiesta di tagli alle spese militari.

L’ipotesi di un’escalation dell’intervento militare italiano in Iraq arriva nel pieno dello scontro politico tra Difesa e Tesoro sulla richiesta di Padoan di diminuire di 4-500 milioni il budget militare annuale (23 miliardi) in quanto “non coerente con le effettive necessità”. Solo ieri il sottosegretario alla Difesa, l’ex generale Domenico Rossi (ex Scelta Civica, ora Per l’Italia-Centro Democratico) dichiarava che “non vi sono più margini di riduzione delle risorse disponibili senza rischiare di incidere direttamente sull’efficienza delle forze armate, specie in un momento di massima esigenza di sicurezza”. Del resto, osserva ancora Vignarca, la Difesa ha avanzato “cospicue richieste di finanziamento per nuovi sistemi d’arma a partire già dal 2016”, e l’annuncio sull’Iraq è “del tutto funzionale a questa partita a scacchi sui soldi”.

Secondo il Corriere della Sera, i quattro Tornado italiani basati in Kuwait che da un anno svolgono in Iraq solo missioni di ricognizione e designazione obiettivi – al costo di 28mila euro all’ora per ogni aereo – effettueranno presto anche missioni di bombardamento contro lo Stato Islamico, come già fanno da tempo – con scarsissimi risultati – i cacciabombardieri di Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Norvegia, Olanda e Danimarca. Una nota del Ministero della Difesa ha poi chiarito che al momento non è ancora stata presa una decisione in tal senso, confermando che però l’ipotesi è in fase di valutazione di concerto con gli alleati – proprio oggi la ministra Pinotti incontrava a Sigonella il nuovo capo del Pentagono Ash Carter.

Anche secondo il vicepresidente della Commissione Difesa della Camera, Massimo Artini (ex Cinquestelle, ora Alternativa Libera), “la tempistica di questa notizia influirà certamente sul dibattito intorno ai ventilati tagli alle spese militari da inserire nella prossima legge di stabilità: se andiamo a bombardare in Iraq la Difesa avrà buon gioco a rivendicare la necessità di fondi, a partire da quelli per le scorte di missili e bombe che sganceranno i nostri Tornado e che non ricrescono sugli alberi”.

“La notizia – concorda Luca Frusone (M5S) – è stata fatta trapelare non a caso in questo momento. Quando si parla di tagli alla Difesa c’è sempre un colpo di reni da parte dei militari per giustificare la necessità di finanziamenti. E’ stato sempre così: basta pensare a come la Marina ha sapientemente sfruttato l’emergenza migranti e l’operazione Mare Nostrum per ottenere più facilmente miliardi di finanziamenti per il rinnovo della flotta navale”. Non solo, secondo altri esponenti dell’opposizione, come Giulio Marcon (Sel), il momento in cui arriva questa notizia non è una coincidenza. Persino fonti del Pd sentite da ilfattoquotidiano.it ritengono che nella tempistica di questo annuncio “ci sia una buona dose di marketing” legata al dibattito sul budget della Difesa.

Sui progetti interventisti della Pinotti si saprà forse qualcosa di più stasera, quando la ministra andrà in Parlamento per riferire sullo stato delle missioni militari italiane all’estero – da rifinanziare con centinaia di milioni di euro per l’ultimo trimestre dell’anno. Dopodiché, se la Difesa formalizzerà la sua decisione, sarà necessario un voto parlamentare per autorizzare i bombardamenti, che trasformano in missione di guerra quella che nell’estate 2014 il Parlamento autorizzò solo come invio di aiuti e armi ai combattenti Peshmerga curdi. Da allora, pur senza ulteriori passaggi parlamentari, la missione “Prima Parthica” ha subito una costante escalation con l’invio in Iraq, oltre ai quattro Tornado, di due droni Predator, un aerocisterna KC-767 e 530 uomini tra avieri, addestratori e consiglieri militari.