Nella notte tra domenica e lunedì un’ondata di maltempo ha colpito il nord Italia. Ci sono stati forti temporali in Liguria, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Una frana nel bellunese ha bloccato la statale 51 Alemagna che porta a Cortina d’Ampezzo. Due torrenti sono esondati in provincia di Genova e in provincia di Udine sono state chiuse alcune strade. Intorno alle 15 di lunedì la Protezione civile della Liguria ha confermato il cessata allerta in tutta la regione.

Liguria: esondano l’Aveto e lo Scrivia, Bisagno ancora sotto controllo
Forte maltempo nella notte in Liguria. Una tempesta di fulmini e un nubifragio si sono abbattuti su Genova e il levante genovese tra mezzanotte e l’una. Il torrente Recco ha raggiunto i limiti di guardia. Frane e allagamenti a Recco, Sori, Camogli e Portofino. Nubifragio sul capoluogo, con conseguente innalzamento del torrente Bisagno che è arrivato a meno di mezzo metro dagli argini. Il sito di Arpal ha segnalato l’esondazione del torrente Aveto, sulle alture di Genova, e dello Scrivia.

E’ Montoggio il paese più colpito dal nubifragio. Le precipitazioni hanno fatto riempire l’alveo dello Scrivia che ha rotto gli argini. L’acqua ha portato fango e detriti, spostato macchine e cassonetti, oltre ad allagare scantinati, box, case e negozi. Non si registrano feriti. Tutte le scuole sono state chiuse. “Nel cuore del paese – spiega il sindaco Mauro Fantoni – la situazione è meno grave dell’anno scorso. Ma nelle zone dove è esondato lo Scrivia è peggio. Faremo un sopralluogo sulle strade che dalle frazioni portano verso il centro per verificare che non ci siano state frane, smottamenti o cedimenti”.

I vigili del fuoco hanno effettuato una cinquantina di interventi nella notte per allagamenti di cantine e case, cornicioni pericolanti, alberi caduti. Le scuole sono state aperte regolarmente, tranne la media statale Massimo D’Azeglio a Struppa, chiusa per l’esondazione del rio Muli che ha lasciato in strada fango e detriti. La polizia municipale ha chiuso il sottopasso di via Canevari, alle spalle della stazione Brignole. Chiusa anche via Capolungo, a Nervi, a causa dei detriti portati in strada da una tromba d’aria.

Il presidente della Liguria Giovanni Toti ha deciso di interrompere i suoi impegni a Milano, nell’ambito della settimana del protagonismo della Liguria a Expo, per andare nei  luoghi colpiti in nottata dal maltempo. Ad accompagnarlo sarà l’assessore alla Protezione civile Giacomo Giampedrone. Durante il sopralluogo a Montoggio Toti ha annuciato che Liguria ed Emilia Romagna invieranno al Governo la richiesta dello stato di emergenza.

Veneto: frana ad Acquabona isola Cortina d’Ampezzo. Smottamenti anche nel vicentino
Dopo i crolli di agosto a San Vito di Cadore, una nuova frana provocata dalle intense piogge di queste ore ha bloccato la statale 51 di Alemagna in località Acquabona, alle porte di Cortina d’Ampezzo. L’Anas ha reso noto che la riapertura, almeno parziale, della statale è prevista per le ore 17 di lunedì. Bloccata anche la “strada delle Regole” che permetteva di raggiungere comunque la località ampezzana evitando la statale.

Secondo i vigili del fuoco il fronte di terra e sassi che è franato è alto circa 30 metri. Sono stati segnalati smottamenti anche a San Vito di Cadore e a Borca, sempre nel bellunese, e nel vicentino.

In molte località del Veneto sono stati registrati allagamenti e danni, in particolare a Conegliano.

Friuli Venezia Giulia: forti temporali in provincia di Udine, strade chiuse
Maltempo anche in Friuli Venezia Giulia, dove venti forti e temporali hanno colpito in particolare la zona di Muzzana del Turgnano, in provincia di Udine, provocando danni ai tetti di alcune abitazioni e di una stalla.

Allagamenti sono stati registrati anche a Gonars, Pradamano, Cividale, Premariacco e Pavia di Udine. La Protezione civile della regione riferisce che ci sono diverse richieste di aiuto per cantine allagate e strade interrotte.