Ennesimo bracciante morto nelle campagne pugliesi: questa volta però il cadavere del lavoratore sarebbe stato occultato dai caporali. A denunciarlo è il coordinatore del dipartimento Immigrazione della Flai-Cgil Puglia, Yvan Sagnet. Il bracciante trentenne è originario del Mali, e lavorava nelle campagne di Rignano Garganico, in provincia di Foggia. Sarebbe morto. “crollando all’interno di uno dei 57 cassoni di pomodori che aveva raccolto:  il corpo dell’uomo potrebbe essere stato occultato dai caporali”, dice Sagnet.  La sua morte, che sarebbe “avvenuta nei campi mentre raccoglieva pomodori”e  risalirebbe a “due domeniche fa”. Il cadavere, spiega sempre Sagnet, non si trova “negli obitori né di San Giovanni Rotondo né di Foggia. Quindi è molto probabile sia stato sepolto dai caporali nel ghetto oppure nascosto con qualche altro espediente”.

Il ghetto di Rignano Garganico è una specie di villaggio creato dai migranti che vivono in capanne auto-costruite, realizzate con materiali di fortuna come lamiere e cartoni. Le condizioni igieniche sono spesso precarie.  “Ora – aggiunge Sagnet – stiamo cercando di conoscere il nome dei migrante che ha perso la vita anche per far far partire una denuncia di occultamento di cadavere, ma è difficile avere informazioni poiché i caporali hanno spaventato a morte i lavoratori che, anche se parlano dell’episodio, hanno paura a dire il nome e il giorno preciso di quando è avvenuto il suo decesso”.  Anche i “responsabili del 118 – prosegue Sagnet – dicono di avere difficoltà a fare verifiche, e ci hanno chiesto una richiesta formale, da parte di un nostro legale, per far partire una ricerca ufficiale nei loro archivi”.

Negli scorsi giorni, nel frattempo, i carabinieri hanno avviato una serie di controlli in provincia di Foggia per contrastare l’utilizzo di manodopera irregolare e lo sfruttamento di lavoratori. Il bilancio è stato di trentadue aziende irregolari su 61 controllate, 430 lavoratori agricoli identificati dei quali 71 risultati irregolari e 64 occupati in nero; 6 aziende agricole sospese dall’attività imprenditoriale.

“Confido e sono certa che le autorità competenti ci metteranno in grado di conoscere velocemente e con chiarezza le dinamiche che avrebbero portato al decesso un bracciante che lavorava nelle campagne di Rignano Garganico, perché la gravità che sembra evocare questa vicenda, ancora così poco chiara, non può lasciare spazio a ricostruzioni approssimative quanto raccapriccianti”, dichiara sul caso il sottosegretario al Lavoro, Teresa Bellanova.

Diversi sono stati durante l’estate i casi di braccianti morti nei campi pugliesi durante l’estate. A luglio un lavoratore proveniente dal Sudan era morto stroncato da un infarto, mentre raccoglieva pomodori, sotto il sole nel Salento.  La procura di Lecce ha quindi iscritto tre persone nel registro degli indagati per omicidio colposo: la responsabile dell’azienda agricola in cui lavorava, il titolare di fatto, cioè suo marito e il presunto caporale, anche lui sudanese, che avrebbe coperto il ruolo di intermediario tra gli stagionali e gli imprenditori. Il 13 luglio, invece, la bracciante 49enne Paola Clemente era morta nei campi intorno ad Andria a causa di un malore: la procura di Trani aveva quindi iscritto nel registro degli indagati il tarantin oCiro Grassi, autista del bus che aveva condotto nei campi la donna.