Una festa in campo e fuori. Poco conta il risultato, vittoria 6-3 di “Pupi onlus” – fondata dall’ex calciatore argentino Javier Zanetti – sull’ente educativo cattolico “Scholas Occurentes”, quanto lo scopo. La Partita Interreligiosa per la Pace, fortemente voluta da Papa Francesco, è andata in scena all’Olimpico davanti a più di 20mila spettatori fra i cori di apprezzamento per Bergoglio e quelli per i tanti campioni ed ex campioni in campo. Ad aprire le danze è stato lo show di Violetta, subito seguito dal momento in cui un ulivo per la pace è stato piantato a bordocampo. Infine lo spettacolo vero e proprio: quello sul campo.

Maradona su Papa Francesco: “E’ umano e un vero fuoriclasse” 


Baggio e Maradona (tutti e due in campo con la maglia numero 10) da una parte, Del Piero e Trezeguet, come ai tempi della Juve, dall’altra. Con loro, tante glorie. Per i 45 minuti in campo del “Pibe de Oro“, un tempo giocato ed un assist perfetto per la rete di Roberto Baggio. “Stasera ci sono tanti numeri 10 in campo: io, Baggio, Del Piero. Ne manca solo uno, ed è Francesco Totti”, l’investitura del fuoriclasse argentino al capitano giallorosso nel corso dell’intervallo. Sugli scudi Icardi, autore di una tripletta, e Shevchenko, gol e rigore con scavetto, per la rimonta di “Pupi” nella ripresa.

Maradona contro Icardi: “Non fa parte della famiglia del calcio” 


Nelle ore precedenti la partita, l’incontro di una delegazione di calciatori con Papa Francesco. Oltre a Diego Armando Maradona, Alex Del Piero e il vice presidente dell’Inter, Javier Zanetti, promotore della Partita, c’erano anche gli azzurri Buffon e Pirlo, gli ex rossoneri Shevchenko e Paolo Maldini, l’ex interista Cordoba, il giallorosso Nainggolan, e l’ex campione della Colombia Valderrama. “La partita non è solo un’occasione per raccogliere fondi, ma è soprattutto un modo per riflettere sui valori universali che lo sport ed il calcio possono favorire – ha spiegato loro il Pontefice – “Lealtà, accoglienza, dialogo, fiducia nell’altro. Valori che accomunano ogni persona a prescindere dal credo religioso e dalla sua cultura”. Bergoglio ha poi messo in chiaro come “le religioni sono chiamate ad essere vincolo di pace, mai di odio”.

Papa Francesco abbraccia Maradona: “Ti aspettavo” 


Il più emozionato di tutti è stato Maradona, che ha regalato a Bergoglio una maglia dell’Argentina con il numero 10 e la dedica:  “A Papa Francesco con tutto il mio affetto e molta pace per tutto il mondo”. Dopo il lungo abbraccio con “Francisquito“, l’ex “Pibe de Oro” si è lasciato andare in un gesto di esultanza: “Non ho mai visto un Papa con tanto, tanto quello che sappiamo tutti come questo (riferendosi alle sue qualità, ndr) – ha detto la leggenda argentina – Sono molto commosso di averlo abbracciato, di sentirmi argentino e di essere ritornato ad avvicinarmi alla Chiesa dopo essermene allontanato per tanto tempo”.

Tutti i video sono di Mauro Episcopo