Non sbaglia chi sostiene che il livello di sensibilità e attenzione per l’elettrosmog in Italia è decisamente diverso che in altri paesi. Basta rimanere in Europa. In Germania proliferano le ‘Building Biology’, associazioni professionali di bioarchitettura, rilevamento di rischi di elettromagnetismo, disturbi geomagnetici, contaminanti chimici, radon e muffe di vita quotidiana (casa, scuola, ufficio). Ma anche da noi, nonostante le disattese aspettative sull’Accordo Conferenza Stato-Regioni del 2001 sull’inquinamento ‘Indoor’, qualcosa si muove, dalla ‘base’: l’ultima edizione del workshop di Torino Image è stata dedicata al tema “Medicina ambientale e salute: verso la smart healt”.

Perché che non siamo solo esseri biochimici, ma pure corpi energetici e informativi, è risaputo. Energia che vive in un corpo elettromagnetico governato dal cuore, il più potente propulsore di watt ‘umani’ (circa 2,5 per contrazione), fonte di un’area bioenergetica estesa, in interazione continua col globo e ogni influsso esterno artificiale. Se la terra è un magnete con poli magnetici, dalla rivoluzione industriale  all’Hi-Tech proliferano ovunque milioni di onde elettromagnetiche, che interagiscono con noi, esponendoci ad un continuo processo di scambio a rischio usura cellulare. “L’uomo è composto da miliardi di cellule, ognuna è in se stessa unità elettrica – scriveva il medico indiano Bhattacharyya in ‘Magnetoterapia’ (Edizioni Mediterranee)Queste cellule vibrano, prendono la loro frequenza dall’atmosfera, sorgente di tutte le frequenze. La terra è un grosso magnete. Da ciò che il magnete abbia una speciale utilità per tutte le creature viventi”. Se dei benefici del biomagnetismo ne aveva pontificato Isaac Goiz, l’uso terapeutico dei magneti era però noto già ai medici degli antichi egizi, sumeri e greci.

Dalla Russia arriva invece una pietra arcaica il cui uso si sta diffondendo in Occidente: “Disordini energetici si installano in modo permanente in una persona quando questa è sottoposta troppo a lungo a influssi nocivi”, scrive la geobiologa e studiosa di bioenergetica Regina Martino nel libro ‘Shungite, energia di vita’ (Enrico Damiani Editore). L’omeostasi, cioè l’equilibrio energetico della nostra alchimia cosmo-tellurica sottile alterata, secondo l’autrice si riconquisterebbe grazie ad una pietra del Protozoico presente solo nella zona della Carelia, vicino il Lago di Onega. Ricca di fullereni naturali di carbonio, la Shungite avrebbe un effetto protettivo per gli esseri viventi: neutralizzerebbe l’impatto negativo di  radiazioni non ionizzanti di telefonini, computer e Wi-Fi.L’effetto di trasformazione della Shungite si manifesta essenzialmente a livello del campo bionergetico. Non interrompe il funzionamento delle apparecchiature, non arresta le onde pulsanti di un Wi-Fi, di un telefono cordless o di un cellulare, ma ne trasforma le emanazioni nocive”. Per creare un microambiente ‘indoor’ pulito, cioè libero da interferenze geo-elettromagnetiche, a Parigi è stata creata una stanza con pareti e pavimento ricoperti interamente da piastrelle di Shungite, così come a Beslan nell’Ossezia del Nord e nel Centro Clinico dell’Ospedale Voennomeditsinskoy

Tornando in Italia, l’Istituto Internazionale di Ricerca Eureka ha recentemente presentato un progetto biennale finalizzato all’individuazione di una schermatura naturale in grado di generare una barriera ‘indoor’ all’elettrosmog. Di che si tratta? Non di una pietra, ma di una pianta verde, la dracena, potenziata da granuli di grano biologico kamut: “I risultati di questa prova sperimentale, pur se preliminari – sostengono al centro friulano di Codroipo (Udine) – suggeriscono che è possibile schermare l’organismo vivente vegetale dagli effetti negativi dell’inquinamento indoor da campi elettromagnetici utilizzando piante di dracena”.

L’ultima, una segnalazione: il Times ha pubblicato il primo documentario indipendente in mainstream sull’elettrosensibilità, frutto di oltre due anni di lavoro di una tenace fotoreporter. Consiglio di vederlo, serve!