Il segretario della Cgil Susanna Camusso ha scritto di suo pugno una lettera per chiedere al Collegio Statuario di valutare il comportamento del numero uno della Fiom Maurizio Landini. Al centro delle polemiche, le dure critiche del leader dei metalmeccanici per l’accordo firmato con Confindustria sulla rappresentanza. 

Ecco il testo della lettera: “Io sottoscritta Susanna Camusso, tessera numero 718519 del 2013 (non essendomi ancora stata consegnata la tessera 2014), chiedo al Collegio Statutario di appurare se è coerente o consentito che il Segretario Generale di una Categoria, nel caso Fiom-Cgil, affermi che le decisioni del Comitato Direttivo non sono per lui e per la sua categoria un vincolo, e che non essendo vincolato discuterà con la Fiom-Cgil e i delegati quello che c’è da fare. Dichiarazioni (che allega a parte, ndr) rese nell’intervento al Comitato Direttivo e reiterate ripetutamente alla stampa. Chiedo, inoltre, al Collegio Statutario se si è in violazione della norma, come si possa determinare il rimedio o la sanzionabilità del comportamento stesso“.

da il Fatto Quotidiano del 5 febbraio 2014