Alcolismo, depressione, tentati suicidi – spesso riusciti – e malattie psichiatriche. Il Regno Unito si interroga sulle sue giovani reclute. Infatti, come altre 19 nazioni al mondo, accetta militari dai 16 ai 18 anni di età ma ora si trova ad affrontare i loro traumi, dovuti a scene di guerra e morte. Tutto nasce da un’inchiesta del Guardian, storico giornale di sinistra britannico, e da uno studio dell’associazione di volontariato ForcesWatch, che promuove campagne per un esercito più “etico” e “giusto”.

Il report, basato su 41 pubblicazioni scientifiche e interviste ai veterani di guerra, ha messo in luce come gli under 18 che intraprendono la carriera militare – ovvero il 23% del totale del personale dell’esercito di Sua Maestà – siano più esposti ad alcolismo e stress post-traumatico. L’8%, inoltre, svilupperebbe problemi psichiatrici dopo un’esperienza nell’esercito nonostante chi è sotto la maggiore età non venga impiegato in azioni di combattimento in prima linea.

Intervistato dal Guardian, un alto funzionario del ministero della Difesa britannico, rimasto anonimo, ha detto come “questo studio in realtà non tiene conto di tutti gli aspetti positivi dell’essere militare, tra cui benefit economici, carriera assicurata, integrazione nella società e formazione. Certo, esistono problemi nel modo in cui giovani e giovanissimi vengono reclutati, ma il governo spenderà oltre 7 milioni di sterline per riformare il proprio sistema di arruolamento”. La stampa britannica, però, punta il dito anche contro la pubblicità sui giornali e per le strade, dove la vita militare sembra affascinante e intrigante. Pubblicità che, però, non fanno mai riferimento a morte, guerra e distruzione. E nemmeno a bombardamenti, attentati, sangue e violenze. Tutte cose sperimentate da chi ha preso parte, per esempio, alla guerra del Kosovo.

“Chi ha fatto un’esperienza in quell’area – spiega lo studio – oggi è molto a rischio oppure ha già sviluppato problemi psichiatrici”. Tra i veterani, infatti, c’è chi annega la disperazione nell’alcol e chi assume psicofarmaci, e probabilmente dovrà farlo per tutta la vita. La ricerca di Forces Watch, per la prima volta, cerca di creare una base statistica per dimostrare la solidità di quanto dice da tempo a governi e istituzioni. E cioè che forse reclutare minori di 18 anni – e il Regno Unito è l’unico Paese europeo a farlo – non è propriamente motivo di grande vanto. Ma, se lo devono fare, che operino nel modo più etico e meno traumatico possibile. Nel 2012, ha ricordato recentemente un servizio della Bbc, nel Regno Unito 21 soldati in servizio e 29 veterani di guerra si sono tolti la vita. Addirittura più degli stessi soldati morti sul fronte di guerra in Afghanistan (44, di cui 40 venuti a mancare mentre combattevano in prima linea).