Costa Crociere conferma di aver licenziato a fine luglio il comandante Francesco Schettino, come scritto oggi da alcuni giornali. “Costa Crociere – precisa la società – conferma di aver concluso il procedimento disciplinare iniziato nei confronti di Schettino, a seguito del naufragio di Costa Concordia, disponendone il licenziamento. La Compagnia ha ritenuto di applicare la sanzione del licenziamento in conformità con le norme di legge e contrattuali applicabili”.

Schettino però, attraverso i suoi legali, ha giù impugnato il provvedimento d’innanzi al giudice del lavoro, contestando la motivazione per giusta causa e chiedendo il reintegro oltre ai mesi di stipendio arretrati. Il naufragio del 13 gennaio della Costa Concordia è costato la vita a 32 persone e le indagini sono portate avanti dalla procura di Grosseto.