Cosa fareste voi se vostro figlio di 18 anni, morisse ammazzato di botte da quattro poliziotti? 
Il fatto
La notte del 25 settembre 2005 Federico Aldrovandi, studente ferrarese,  torna a casa a piedi dopo aver trascorso la serata in un locale. Il giovane ha assunto sostanze stupefacenti (si trattava comunque di modiche quantità non sufficienti a procurare uno stato comatoso). Nei pressi di viale Ippodromo circola, la pattuglia “Alfa 3” con a bordo Enzo Pontani e Luca Pollastri. Quest’ultimi descrivono l’Aldrovandi come un “invasato violento in evidente stato di agitazione“, sostengono di “essere stati aggrediti dallo stesso a colpi di karate e senza un motivo apparente” e chiedono rinforzi. Poco dopo arriva in aiuto la volante “Alfa 2”, con a bordo Paolo Forlani e Monica Segatto. Lo scontro tra i quattro poliziotti e il giovane diventa molto violento (durante la collutazione due manganelli si spezzano). Il ragazzo muore per “asfissia da posizione”, con il torace schiacciato sull’asfalto dalle ginocchia dei poliziotti. La camerunense Annie Marie Tsagueu è l’unica testimone ad aver visto due agenti picchiare il ragazzo, comprimerlo sull’asfalto e manganellarlo. Ha sentito le sue grida di aiuto e lo ha sentito respirare tra un conato di vomito e l’altro.
Ulteriore Perizia
Una lunga escoriazione alla natica sinistra, segno di trascinamento sull’asfalto,  importante schiacciamento dei testicoli.
La sentenza
21 giugno 2012 la Corte di Cassazione ha reso definitiva la condanna a 3 anni e 6 mesi di reclusione per l’ omicidio colposo di Federico Aldrovandi ai 4 poliziotti Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani e Luca Pollastri. In particolare la quarta sezione penale ha respinto il ricorso presentato dalla difesa dei 4 agenti  contro la condanna che era già stata emessa dalla Corte d’Appello di Bologna (capito? Hanno anche cercato di scagionarsi. Avranno o no figli più o meno della stessa età di Federico?). I poliziotti non rischiano però il carcere visto che 3 anni sono coperti dall’indulto. Tuttavia, dopo la condanna definitiva, scatteranno i provvedimenti disciplinari.
Ecco, qui sta il punto: due milioni di euro, tanto è stato offerto alla famiglia come risarcimento, non bastano a restituire la vita di un figlio. Figuriamoci poi le scuse del capo della polizia Antonio Manganelli (ironia della sorte, un nome, un destino). La madre di Federico ha un blog dove chiede giustizia dopo sette anni di processi, tre gradi di giudizio. Dove fa notare che il condizionale del Ministro degli Interni in formula dubitativa l’offende: Se ci sono stati degli abusi….sembrerebbe…”  
Perche’ allora usa il condizionale quando il Suo ruolo istituzionale non lo permetterebbe?– si chiede mamma Patrizia
Quel condizionale signor  Ministro, è  fuori luogo, inopportuno e poco rispettoso delle Istituzioni.

Sono stati commessi abusi tanto gravi da provocare la morte di un ragazzo appena maggiorenne incensurato e di buona famiglia.
Padre poliziotto e nonno carabiniere.
Quel padre poliziotto e quel nonno carabiniere che appartengono alle forze dell’ordine di cui Lei giustamente parla, hanno pazientemente aspettato 7 anni di processo e tre sentenze per veder riconosciuta quella verità terribile che sempre hanno saputo.
Auspicheremmo uguale rispetto da parte Sua.
Patrizia e LIno Aldrovandi ,
Genitori di Federico , morto per colpa di 4 poliziotti tutt’ora in servizio.
Ecco, anche noi, cittadini di una società civile,  chiediamo che i quattro garanti dell’ordine pubblico siano almeno allontanati a vita dal servizio di pubblica sicurezzaVista  la  accertata pericolosità del loro comportamento. 
Abbiamo già aspettato tanto.
E solo allora giustizia, in minima parte, sarà fatta.
Januaria Piromallo