Tragedia su un volo della Gulf Air partito dal Bahrain e diretto a Parigi, in Francia. Durante il viaggio, uno degli assistenti di volo si è sentito male, ha avuto un infarto ed è morto a bordo dell’aereo. Inutili tutti i tentativi dei soccorritori di rianimarlo dopo l’atterraggio di emergenza: lo stewart è deceduto prima dell’arrivo in ospedale. Tutto è successo martedì 22 novembre sul voloGF-19 decollato all’1.40 dal Bahrain International Airport e diretto a Charles de Gaulle, nella capitale francese. Mentre il velivolo si trovava ad una quota di 10mila metri d’altezza nei cieli dell’Iraq, Yasser Saleh Al Yazidi ha iniziato a sentirsi male per quello che è stato riconosciuto come un infarto. Subito è scattato l’allarme a bordo e il pilota ha effettuato un atterraggio di emergenza a Erbil, nel Kurdistan iracheno. Appena a terra, un’équipe medica è salita a bordo per soccorrere lo stweard ma invano. Il volo è rimasto fermo all’aeroporto internazionale di Erbil circa quattro ore prima di poter riprendere il suo viaggio: “La compagnia esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia e ai cari del membro dell’equipaggio e conferma che il volo è ripreso come da programma”, ha fatto sapere la compagnia Gulf Air dando la notizia dell’accaduto e scusandosi con i suoi passeggeri per l’inconveniente.

Articolo Precedente

“Se fai sesso orale il tuo dentista lo capisce”: la rivelazione virale su TikTok. E un medico conferma: “Sì, è la petecchia palatale”

next
Articolo Successivo

Aereo si schianta contro i cavi dell’alta tensione e rimane sospeso a 30 metri di altezza: blackout per 100mila case

next