Non è un “divieto d’accesso” ma poco ci manca quello che campeggia fuori da Buckingham Palace. Il palazzo simbolo della monarchia inglese è off limits per Carlo III e per la regina consorte Camilla, che potranno tornarci a vivere non prima del 2027, visti gli imponenti lavori di ristrutturazione che costeranno oltre 370 milioni di sterline (oltre 428 milioni di euro) e che si concluderanno non prima di cinque anni. Una situazione che fa molto discutere in questi giorni i royal watcher e i sudditi più attaccati agli emblemi della Corona, quei puristi che considerano Buckingham Palace il cuore della monarchia e uno dei simboli della grandezza dei Windsor.

Tanto rumore per nulla, però, visto che i lavori al settecentesco palazzo nel cuore di Londra sono indispensabili, pianificati da anni e che il maxi-cantiere prevede un restyling totale degli impianti di riscaldamento, idraulici ed elettrici di buona parte delle 775 stanze. Carlo III avrà comunque a disposizione diverse ali dell’edificio, incluse quelle che comprendono gli uffici e i saloni di rappresentanza, ma difficilmente dormirà nelle sue camere da letto da qui alla fine dei lavori. Non che il sovrano ne sia particolarmente dispiaciuto: da Elisabetta II ha ereditato molte cose, inclusa una certa insofferenza per Buckingham Palace, che la defunta sovrana e il primogenito non hanno mai amato molto. E così, nei piani del re, c’è una progressiva trasformazione dell’edificio in attrazione turistica: verrà aperto sempre di più al pubblico – aumentando così i milioni di sterline di incassi grazie alle visite – e utilizzato come dimora di rappresentanza per gli incontri ufficiali oltre che per i banchetti e le cerimonie. Inoltre, per Carlo non si tratta di uno strappo doloroso visto che da quasi vent’anni vive con Camilla a Clarence House, altra casa di proprietà reale lungo il Mall, poco distante da Buckingham Palace, e sempre più spesso trascorre del tempo nel castello di Windsor. E appena può scappa soprattutto ad Highgrove, la sua residenza preferita, una tenuta di campagna che ama moltissimo e per la quale pagherà circa 800mila euro di affitto l’anno al figlio William, che ne è formalmente il proprietario da quando ha ereditato il titolo di duca di Cornovaglia. Al re di certo non manca un tetto sotto il quale dormire.

Articolo Precedente

“10.000 sterline al mese pubblicando video in cui si strafoga di cibo”, l’assurda storia di Antonia Graham

next
Articolo Successivo

Maneskin, Damiano: “Ho una malformazione congenita alle corde vocali”

next