Trauma cranico e frattura delle ossa nasali. Culmina così l’ultimo episodio di bullismo avvenuto a Parma. La vittima è un ragazzo di 14 anni. L’ospedale ha stabilito una prognosi di venti giorni. Sulla vicenda indagano i carabinieri, in seguito alla denuncia della famiglia che si avvale del referto medico. Le vessazioni si sono susseguite per diverso tempo: prima insulti, poi le aggressioni fisiche. Lo chiamavano “secchione” e gli hanno conficcato una matita in testa. “Lo hanno minacciato, hanno iniziato a colpirlo con degli schiaffi”, spiega la sorella del ragazzo alla Gazzetta di Parma.

Dopo qualche giorno è arrivata la violenza più feroce: due pugni, uno al volto e l’altro in faccia l’hanno fatto cadere a terra. Il personale scolastico ha trasportato in ospedale il quattordicenne, che è stato calpestato dai compagni di classe mentre entravano in aula. La famiglia ha cercato di intervenire e capire le dinamiche della vicenda: “Quando ho saputo quello che stava accadendo ho personalmente chiamato la scuola, ho parlato con qualcuno della direzione spiegando cosa stesse succedendo”, conclude la sorella.

Articolo Successivo

Alessia Pifferi, la legale: “Picchiata in carcere dalle altre detenute”. Negata la perizia per la donna che lasciò morire la figlia

next