Abbiamo una nostra personale ‘Operazione London Bridge’. Le riprese si interromperanno immediatamente, se stiamo producendo, per almeno una settimana”. Così, pochi mesi fa, aveva dichiarato un insider al New York Post. Se la Regina fosse morta, Netflix avrebbe saputo come comportarsi. E al lutto del Paese, proclamato per 12 giorni dopo il decesso della sovrana, si accoda anche la cinematografia. Fonti vicine a Pete Morgan, creatore della serie di successo ‘The Crown sulla Royal Family, hanno confermato a Variety che la produzione della sesta stagione – per la quale sono stati selezionati nuovi attori – verrà interrotta fino a data da destinarsi. E mentre si aspetta la conferma ufficiale di Netflix, a novembre sono attesi i nuovi episodi. La quinta stagione sarà incentrata sulla figura di Lady Diana, in particolare sull’intervista scandalo rilasciata nel 1995 e sul matrimonio di Carlo e Camilla Parker Bowles. Per quanto riguarda il nuovo cast, invece, a interpretare la Regina sarà Imelda Staunton, Dominic West vestirà i panni del principe Carlo, mentre a Elizabeth Debicki sarà affidato il ruolo di Diana e a Olivia Williams quello di Camilla.

Articolo Precedente

Il principe Harry consola una donna del personale dell’aeroporto di Aberdeen: la sua partenza solitaria

next
Articolo Successivo

Regina Elisabetta morta, il pubblico incollato alla tv: gli speciali sulla sovrana e l’exploit Rai

next