Sale ancora l’inflazione in Gran Bretagna che in luglio supera il 10% (10,1%) e tocca il massimo da 40 anni. L’incremento dei prezzi rispetto ad un anno fa è superiore alle attese che indicavano quota 9,8%. Rispetto a giugno 2022 i prezzi sono saliti in media del 0,6%. La banca centrale inglese si attende che l’inflazione inizi ad erodere il livello dei consumi spingendo il paese in recessione a partire dal prossimo inverno e stima che l’inflazione possa arrampicarsi fino al 13% entro fine anno. Il capo economista dell’istituto inglese di statistica, Nadhim Zahawi, ha spiegato che “Un’ ampia gamma di prodotti hanno contribuito a spingere al rialzo l’inflazione. I prezzi degli alimentari sono saliti molto, soprattutto panetteria, verdura e carne“. Ma la causa principale della corsa dei prezzi resta l’energia, il gas viene scambiato a Londra al triplo di un anno fa. I costi delle bollette sono arrivati a superare le 4mila sterline l’anno (4.760 euro).

Secondo gli analisti il dato odierno mette ulteriore pressione sulla Bank of England perché intensifichi la sua stretta monetaria. L’istituto centrale ha già effettuato sei rialzi consecutivi dei tassi. Condizioni monetarie più stringenti, ossia meno denaro in circolazione per lo più in forma di credito, tendono a contribuire a frenare la corsa dei prezzi. Per contro però penalizzano la crescita economica. Ieri l’istituto di statistica ha rimarcato come le famiglie inglesi abbiano subito un calo marcato degli stipendi reali, con una grave perdita del potere d’acquisto. Tra aprile e giugno i salari sono cresciuti in media del 4,7% (5,9% nel settore privato, 1,8% nel pubblico) ma nel frattempo l’aumento dei prezzi è stato superiore riducendo di fatto il valore reale delle buste paga del 3%. Viene segnalato anche un incremento dei lavoratori over 65 che rimangono al lavoro o tornano a cercarlo a causa della difficoltà nel far quadrare i bilanci familiari. Il governo ha sinora varato interventi di sostegno per 37 miliardi di sterline (44 miliardi di euro) e uno sconto di 400 sterline a famiglia per le bollette.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nubifragio a Baia Domizia, i Pinguini Tattici Nucleari interrompono il concerto: “Questioni di sicurezza”

next
Articolo Successivo

Raddoppiati in un anno i prezzi del pellet, combustibile da riscaldamento ottenuto dal legno e usato da almeno 2 milioni di famiglie

next