Multato perché, dopo avere azionato il lampeggiante blu dell’auto, superava una colonna di vetture ferme. La targa dell’auto sulla quale viaggiava Vittorio Sgarbi è stata così segnalata dagli automobilisti alle forze dell’ordine che lo hanno bloccato al confine di Chiasso-Brogeda. La notizia, rilanciata dalle testate locali, è stata anche confermata dalla polizia del Canton Ticino.

Il critico d’arte stava rientrando dalla Svizzera dopo aver partecipato al Film Festival di Locarno. Alla fine, così, ha ricevuto una sanzione di circa 500 euro, subito pagata dall’autista, secondo quanto ricostruito. Di tutta risposta però Sgarbi ha postato su Facebook un video per lamentarsi del trattamento ricevuto (video poco dopo rimosso dai social): “Sulle auto della polizia ticinese c’è scritto: ‘Per un Ticino più sicuro e più accogliente’. Più sicuro forse. Più accogliente no. Non ci vengo più in Svizzera, mai più”, lamentava Vittorio Sgarbi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incendio a Roma, le fiamme lambiscono la stazione e il canile della Muratella – Video

next
Articolo Successivo

Milano, undicenne travolto e ucciso mentre andava in bicicletta. Si è costituito il pirata della strada. Guidava senza patente

next