Si chiama Pizza Briatora perché ispirata a lui, Flavio Briatore. L’uomo che con la sua pizza per ricchi (con il Pata Negra sopra: un grande e maestoso “boh”) si è “scontrato” con Gino Sorbillo, sostenitore della pizza per tutti. A “botte” di ingredienti di qualità, di filosofie, di servizio, i due sono andati pure a Porta a Porta. Ed ecco che arriva il terzo sfidante. Siamo all’Angolo di Beppe, Torre Lapillo, frazione di Porto Cesareo. Qui è nata la pizza Briatora, carissima e salatissima. 99 euro per una pizza ideata da Umberto del Prete e impastata con l’acqua di mare. Ha tutta l’aria di una boutade. Gianni Ippoliti testimonial precisa: “La Briatora dell’angolo di Beppe all’acqua di mare salatissima, entra di diritto tra le pizze cult dell’estate 2022 per tutta una serie di motivazioni di carattere gastronomico ed anche social”. Rincara la dose Del Prete, proprietario del ristorante: “Questa pietanza ha un costo di 49 euro”. Ma come? Non erano 99? Ecco spiegato: “Ma c’è di più. Ai primi 20 fortunati clienti, che decidono di ordinare e mangiare la Briatora sarà garantito un ticket valido ed esclusivo, che gli permetterà, per venire incontro ed esaudire le loro esigenze di spesa, di usufruire di una seconda Briatora all’esclusivo prezzo di 99 euro. Un’offerta originalissima e davvero imperdibile e che senza alcuna ombra di dubbio rimarrà alla storia della gastronomia italiana“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, i dati: 48.456 nuovi casi e 44 vittime, il tasso di positività sale al 24,3%. Aumentano i ricoveri ordinari: +190

next