Dal 1° giugno non sarà più obbligatorio esibire il green pass per entrare in Italia: non verrà ulteriormente prorogata, infatti, la misura che prevede la necessità della certificazione verde Covid-19 all’ingresso nel nostro Paese, come disciplinata dall’ordinanza del ministro della Salute lo scorso 22 febbraio e in seguito estesa più volte fino al 31 maggio. Lo rende noto l’ufficio stampa del dicastero guidato da Roberto Speranza.

L’ordinanza prevedeva la “presentazione al vettore al momento dell’imbarco e a chiunque è deputato a effettuare controlli di una delle certificazioni verdi Covid-19 (…) o di altra certificazione attestante le condizioni” di guarigione, tampone negativo o vaccinazione, “riconosciuta come equivalente secondo provvedimenti adottati dal Ministero della salute e nei termini di durata stabiliti dai regolamenti europei vigenti in materia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, profanata la tomba di Alfredino Rampi al Verano: sulla lapide 11 svastiche e ingiurie scritte con un pennarello nero

next