A uccidere l’operaio Mauro Capicchioni non è stato un malore, ma un’emorragia polmonare provocata dalle zoccolate di un lama. Secondo la perizia del medico legale, il 64enne di Cernobbio è morto il 3 luglio 2021 a seguito dei colpi ricevuti al petto dal grosso camelide, che gli ha provocato anche alcune ferite sui polsi e su un ginocchio. I titolari dell’agriturismo con l’allevamento di animali in cui lavorava Capicchioni sono stati accusati di omicidio colposo dalla Procura di Como.

Un anno fa, come d’abitudine, l’uomo era andato a dare da mangiare agli animali della fattoria. Non indossava alcun tipo di protezione perché i lama, solitamente, sono mansueti. Tuttavia, secondo quanto riportato dagli inquirenti, quel giorno un esemplare maschio lo ha atterrato e pestato numerose volte. Al termine delle indagini, le autorità hanno contestato agli imprenditori di non aver previsto una serie di protezioni da adottare in caso di aggressioni, a cui Capicchioni era esposto quando svolgeva le sue mansioni da solo. Assenti anche sistemi di emergenza come un allarme acustico o la predisposizione di vie di fuga.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padova, neonata di sei mesi ricoverata in ospedale: risultata positiva alla cocaina. Indagini per possibili maltrattamenti

next
Articolo Successivo

Stagionali, le storie inviate a ilfattoquotidiano.it: “Io, pizzaiolo, lavoro da 10 anni tra Italia ed estero: solo qui condizioni di semi-schiavismo”

next