Dopo aver passato mesi sotto assedio da parte dell’esercito russo, la città ucraina di Kharkiv inizia a risvegliarsi. Piccole attività tornano ad alzare le saracinesche attirando i cittadini stremati dei villaggi intorno alla città, rimasti per due mesi senza nessun contatto con l’esterno. Gli operai del comune iniziano a portare via le macerie dal mercato Barabashova distrutto dai bombardamenti. E proprio in questa zona ha riaperto un piccolo alimentari che rifornisce i cittadini ancora chiusi nelle metropolitane. In centro, invece, riapre al pubblico una pizzeria che ha continuato a lavorare per i volontari e per l’esercito durante tutto l’assedio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salvador Ramos, chi è il killer della scuola in Texas: i fucili comprati per il suo 18esimo e il messaggio su Instagram prima di agire

next
Articolo Successivo

“Accordo tra i Paesi Nato: nessun tank o caccia a Kiev per evitare le rappresaglie russe”. Ecco perché l’Alleanza non ha inviato mezzi pesanti

next