Negli Stati Uniti arriva la prima biancheria intima pensata e sviluppata per offrire protezione dalle infezioni sessualmente trasmissibili. La sua consacrazione è avvenuta quando la Food and Drug Administration (FDA) ha dato la sua approvazione come presidio per la prevenzione durante il sesso orale. Lorals, questo è il nome della nuova biancheria intima, può essere a forma di slip o di pantaloncini. Sono fatti in lattice aromatizzati alla vaniglia. Sono sottili quanto il materiale di un preservativo e formano una sorte di sigillo all’interno della coscia che trattiene i liquidi, come spiega la sua ideatrice, Melanie Cristol, al New York Times. Vanno usati una sola volta, proprio come si fa con i “tradizionali” preservativi. Al momento il loro colore è scuro, ma l’azienda sta lavorando a una nuova versione trasparente.

L’azienda di Cristol ha già iniziato a vendere la sua speciale biancheria intima esplicitamente come protezione dalle infezioni, come herpes, gonorrea e sifilide. Si tratta di malattie che possono infatti essere trasmesse attraverso il sesso orale, come specificano i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Lorals può potenzialmente proteggere anche dall’HPV, che sappiamo essere collegato a un rischio maggiore di ammalarsi di tumore orale. Finora, l’unico prodotto autorizzato dalla FDA per la protezione per il sesso orale era una diga dentale, un sottile strato di lattice o poliuretano che viene tenuto fermo in bocca con le mani per formare una barriera tra la bocca e i genitali. “Sono estremamente impopolari”, ha detto al Times Jeanne Marrazzo, direttrice delle malattie infettive dell’Università dell’Alabama a Birmingham. “Voglio dire, onestamente, potrebbe esserci qualcosa di meno sexy di una diga dentale?”, aggiunge. Con Lorals l’esperienza del sesso orale protetto dovrebbe essere più piacevole.

Cristol ha detto che voleva creare un prodotto che “è stato realizzato pensando al mio corpo e al sesso reale”. Le dighe dentali possono essere considerate come una sorta di “rivisitazione” della diga di gomma che i medici usavano per creare una barriera tra i denti e la saliva di una persona durante le operazioni chirurgiche ai denti. “L’autorizzazione della FDA per questo prodotto offre alle persone un’altra opzione per proteggersi dalle malattie sessualmente trasmissibili durante il sesso orale”, ha detto al Times Courtney Lias, direttrice dell’ufficio della FDA che ha guidato la revisione della biancheria intima. “Il sesso orale non è totalmente privo di rischi”, ha detto Marrazzo. C’è un bisogno crescente di questo tipo di protezione perché sempre più “adolescenti stanno iniziando a essere sessualmente attivi con il sesso orale”, ha aggiunto.

Offrire una protezione piacevole da usare potrebbe “ridurre l’ansia e aumentare il piacere per quel particolare comportamento”, ha aggiunto Marrazzo. Gli studi clinici sull’uomo di Lorals non erano necessari per l’approvazione della FDA, ma l’agenzia ha richiesto un’ampia documentazione su spessore, elasticità, resistenza e altre misure, come fa con i preservativi. Stando a quanto si legge sul sito web di Lorals, la biancheria intima progettata per il sesso orale può avere anche altri scopi. Può ad esempio fornire un ulteriore livello di comfort per coloro che hanno subito traumi passati e desiderano una maggiore copertura durante l’intimità. Può essere indossato durante il ciclo. Può essere utilizzato anche quando il partner ha una barba particolarmente fastidiosa. Di certo c’è che può essere una valida alternativa come strumento di prevenzione, qualcosa a cui le persone sembrano essere più interessate rispetto al passato. Anche se ancora troppo poco.

di Valentina Arcovio

Articolo Precedente

Lapo Elkann commosso: “In ospedale una mamma con la figlia malata terminale, che equilibrio fragile il nostro vivere”

next
Articolo Successivo

La regina Elisabetta riappare in pubblico dopo il forfait per il Queen’s Speech in Parlamento – Video

next