Continua a salire il consenso dei cittadini russi per “l’operazione militare” e per il leader Vladimir Putin: i numeri attestano un appoggio alla guerra in Ucraina per dell’81% degli intervistati, dell’83% se si guarda al sostegno personale a Putin – 12 punti in percentuale in più rispetto a gennaio. Lo scrive sulle colonne di La Stampa Alexey Levinson, direttore del Levada Center – centro sondaggi considerato “agente straniero” in Russia. Un importante aumento del consenso del leader russo, ricorda Levinson, era avvenuto anche nel 2008 – quando non era ancora nemmeno presidente, ma solo premier – con la breve e incruenta “operazione militare” portata avanti per “costringere alla pace” la Georgia, che gli aveva fatto guadagnare una popolarità dell’88%: lo stesso era avvenuto nel 2014 con l’annessione della Crimea.

Il Levada center ha rilevato che l’opinione pubblica russa si spacca quasi a metà quando viene chiesto se si provano sentimenti negativi (51%) o positivi (49%) nei confronti della guerra in Ucraina: tra le “emozioni positive” primeggia (40%) “l’orgoglio per la Russia“, la “gioia” si prende solo l’11%. Tra le emozioni negative invece spiccano “ansia, paura, shock” che si attestano il 39% dei voti. I sentimenti positivi riguardano soprattutto gli anziani e le persone di mezza età: tra gli over 65 la popolarità della guerra e di Putin si attesta al 99%.

Le emozioni negative prevalgono invece tra i giovani, dove sono due volte più frequenti di quelle positive. Soltanto il 15% degli intervistati non ha saputo o voluto rispondere alla domanda sul movente di chi protesta contro la guerra (soprattutto giovani), mentre per il 32% chi va in piazza a manifestare “è stato pagato”. Tra gli under 35 il 42% invece riconosce “l’indignazione” come ragione di protesta. Il 36% degli intervistati infine ritiene che un numero significativo di paesi abbia condannato le azioni della Federazione Russa contro l’Ucraina perché “obbediscono agli Stati Uniti e alla NATO“, il 29% che “sono stati male informati dai media occidentali“, il 27% che “il mondo è sempre stato contro la Russia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cisgiordania, giornalista di Al Jazeera Shireen Abu Akleh uccisa a Jenin: le immagini dei soccorsi

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, soldati di Kiev in Germania: l’addestramento nella scuola di artiglieria. Ecco quali armi pesanti può inviare Berlino

next