Contro l’industria bellica, contro l‘aumento delle spese militari, contro Putin e la sua invasione dell’Ucraina ma anche contro la politica della Nato. I movimenti antimilitaristi sono scesi in piazza a Milano tra cori contro l’Alleanza atlantica e la militarizzazione e striscioni di contestazione all’Eni. Anarchici, Assemblea antimilitarista, studenti e militanti di Rifondazione comunista e Potere al popolo (e diversi altri movimenti), hanno attraversato, in corteo, le vie del centro cittadino. Il primo gruppo è partito da Piazza Affari, dove è stata messa in scena una performance sugli interessi economici nelle guerre, mentre il secondo da Piazza Castello. Una marcia pacifica che si è conclusa in piazza Fontana, con un omaggio al ferroviere anarchico Giuseppe Pinelli davanti alla lapide che ricordo la sua morte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, 70.803 nuovi contagi in 24 ore e 129 morti. Rispetto a una settimana fa aumentano gli ingressi in terapia intensiva

next
Articolo Successivo

Molise, ritrovata viva la bambina di 5 anni scomparsa a Sant’Angelo Limosano: “Uscita dalla finestra dopo un rimprovero dei genitori”

next