Non capire ciò che viene detto oppure non riuscire ad articolare frasi di senso compiuto è un grande limite per tutti, ancora di più per chi con le parole ci lavora. Per questo Bruce Willis ad appena 67 anni ha dovuto annunciare il ritiro dalle scene: la diagnosi è di quelle feroci, afasia, un disturbo del linguaggio che mina la capacità di comprensione ma anche quella di esprimersi verbalmente, leggere e scrivere. E dunque anche recitare.

COS’È L’AFASIA
L’afasia è una “malattia silenziosa” che generalmente si manifesta dopo un ictus o un trauma cranico, ma può anche essere silente e manifestarsi a seguito di una patologia neurodegenerativa, come l’Alzheimer. In generale, è conseguente a un danno alle aree cerebrali responsabili del linguaggio, che si trovano sul lato sinistro del cervello. Fino a qualche anno fa se ne sapeva pochissimo, tanto che si faticava persino a diagnosticarla, oggi invece viene riconosciuta con maggiore facilità (si calcola che solo in Italia siano oltre 250 mila le persone che ne sono affette, 1 milione degli Usa con circa 180 mila nuovi casi l’anno).

I SINTOMI PIÙ COMUNI
L’afasia colpisce le funzioni strettamente collegate con il linguaggio. Chi ne è affetto fatica a comprendere ciò che gli viene detto, ha difficoltà nel mettere insieme frasi di senso compiuto (gli mancano ad esempio le singole parole, sbaglia la costruzione grammaticale o produce male i suoni delle parole), ha problemi nella lettura, nella scrittura e anche nel fare calcoli. L’afasia si accompagna spesso ad altri a disturbi come la difficoltà nel controllare i muscoli utilizzati per parlare (disartria) o la difficoltà a deglutire (disfagia).

LE CURE E LA RIABILITAZIONE
Non esiste una cura attraverso dei farmaci ma è previsto un trattamento riabilitativo per l’afasia attraverso l’utilizzo di esercizi di logopedia. I margini di miglioramento dipendono dal tipo di lesione celebrare subita, dall’area del cervello danneggiata oltre che dall’età e dallo stato di salute della persona afasica. “La persona afasica ha bisogno di un supporto complesso, che non è solo medico, e deve venire da coloro che hanno con lui un rapporto professionale (medici, neuropsicologi, logopedisti, assistenti sociali), dalle persone che fanno parte del suo ambiente (familiari, amici, colleghi) o che a lei si dedicano per spirito di servizio (volontari). I primi hanno il compito di prestare le cure migliori e più aggiornate, mentre gli altri debbono garantire l’aiuto necessario nella vita di tutti i giorni”, si legge sul sito dell’A.IT.A, l’Associazione Italiana Afasici. Le capacità linguistiche e comunicative di chi ne soffre possono continuare a migliorare per molti anni in maniera netta (come ha dimostrato Andrea Vianello, attuale direttore di Radio1Rai e dei Giornali Radio Rai, che ha raccontato la sua esperienza dopo essere stato colpito da ictus che gli ha provocato afasia) ma è comunque molto difficile che Willis possa tornare a recitare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Eredità, ecco quanto guadagna Flavio Insinna grazie al quiz di Rai 1

next
Articolo Successivo

Fedez, il ritorno a casa e i sorrisi con il piccolo Leone: “Buon compleanno papà”. Il tenero video postato dal rapper

next