Un detenuto è stato usato come un oggetto durante l’addestramento degli agenti della Cia. Lo rivelano nuovi documenti governativi declassificati riguardo il trattamento a cui fu sottoposto Ammar al-Baluchi, terrorista e informatico pakistano di 45 anni, tuttora prigioniero a Guantanamo. I dettagli delle torture perpetrate contro di lui sono contenute in un rapporto del 2008 dell’agenzia di spionaggio statunitense.

Nel 2003 al-Baluchi era tenuto prigioniero in un cosiddetto “black site” (una località in cui viene portato avanti un progetto segreto e non ufficiale) in Afghanistan. Secondo quanto si legge nel rapporto le tecniche di interrogatorio usate contro di lui andarono oltre quelle consentite. Ad esempio fu sottoposto a walling per ore e nel corso di diverse sessioni finché tutti gli agenti non erano in grado di usare la tecnica. Il walling è un metodo di tortura in cui il collo di una persona è circondato da un collare e viene usato per sbatterla contro un muro. Durante le sessioni al-Baluchi era nudo. Nel 2018 è stata effettuata una risonanza magnetica che ha rivelato danni cerebrali.

Il personaggio di al-Baluchi – anche se non è specificato il nome completo – appare anche all’inizio del film del 2012 Zero Dark Thirty, diretto da Kathryn Bigelow. La pellicola è basata sulle operazioni dei servizi segreti che ha portato all’individuazione e all’uccisione di Osama bin Laden il 2 maggio 2011. Nella scena si vede un agente della Cia che interroga al-Baluchi e gli dice: “Tu disonori l’umanità. Tu e tuo zio, tremila innocenti avete fatto morire”. Il riferimento è al fatto che Ammar è considerato nipote materno di Khalid Shaykh Muhammad (il cooperatore degli attacchi dell’11 settembre 2001) e cugino di Ramzi Yusuf (organizzatore dell’attacco al World Trade Center del 1993).

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Guerra in Ucraina, Massolo (Ispi): “Cina da prima sapeva dell’invasione russa ma la riteneva più rapida. Ora gli sviluppi la imbarazzano”

next